Valeant: pronto un comitato interno per sorveglaire sui prezzi dei farmaci

9 maggio, 2016 nessun commento


(Reuters) – Un nuovo comitato di valutazione dei prezzi, è la decisione presa dalla Valeant Pharmaceuticals International Inc, dopo aver ammesso gli errori compiuti nelle tariffe dei propri farmaci a seguito di un’inchiesta governativa condotta negli Stati Uniti.

Alla guida del Comitato Patient Access e Pricing, composto da un team di dipendenti della’azienda tra cui medici, scenziati e altre figure direttive, ci sarà inizialmente da Joseph Papa, CEO della Valeant. Obiettivo del Gruppo, secondo quando dichiarato dall’azienda stessa, sarà quello di vigilare sui farmaci Nitropress, Isuprel, Cuprimine e Syprine: i quattro prodotti sui quali si è tenuta l’audizione da parte della Commissione sulla terza età presso il Senato.

Valeant aveva alzato il prezzo del farmaco Isuprel del 720% e di Nitropress del 310%, dopo l’acquisizione nel 2015. Anche per altri due farmaci, utilizzati nel trattamento di disordini genetici causa di accumulo di rame negli organi, era stata fatta la medesima operazione con rialzi del 5,878% e del 3,162%, rispettivamente.

“Abbiamo commesso degli errori e ora il nostro impegno è volto a far sì che ciò non si ripeta mai più” ha spiegato il CEO in un comunicato. “Grazie a questo nuovo comitato adotteremo un approccio disciplinato di revisione dei prezzi dei nostri farmaci  prendendo in considerazione anche l’impatto sui pazienti, sui medici e sui partner dell’industria della salute”

L’Azienda ha inoltre spiegato che a fronte dell’indagine avviata la scorsa settimana, sta contattando tutti gli ospedali per le preoccuopazioni espresse in merito alla non applicazione delle politiche di sconto attese per Nitropress e Isuprel.

Valeant, le cui azioni sono precipitate del 90% da Agosto, ha circa 30 miliardi di dollari di debito e sta negoziando con i suoi creditori; tra questi c’è chi paventa una lettera di diffida qualora non si raggiungano i risultati finanziari attesi

Fonte: Reuters

 (Versione italiana Daily Health Industry)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*