Vaccino Pfizer/BioNTech, obiettivo piena approvazione USA

Condividi:
Share

(Reuters) – Pfizer e BioNTech hanno richiesto l’approvazione ‘piena’ del Governo americano per il loro vaccino contro il COVID-19, attualmente autorizzato per l’uso in emergenza, e mirano alla produzione di quattro miliardi di dosi nel 2022, che saranno principalmente destinate ai paesi a basso e medio reddito, i quali finora hanno ricevuto pochissime dosi del vaccino.

In una lettera inviata ai dipendenti e resa pubblica, il CEO dell’azienda americana, Albert Bourla, ha affermato che la società ha già accordi o è in trattativa con diversi paesi per fornire 2,7 miliardi di dosi quest’anno, di cui il 40% dovrebbe andare proprio a paesi a basso e medio reddito.

Il CEO ha inviato la lettera dopo che l’amministrazione Biden ha espresso l’intenzione di voler chiedere alle aziende di rinunciare ai diritti brevettuali sui vaccini per il COVID-19, un’ipotesi che potrebbe determinare l’interruzione di flusso di materie prime necessarie alla produzione del vaccino. “È possibile che realtà con poca o nessuna esperienza in produzione di vaccini richiedano le stesse materie prime di cui abbiamo bisogno noi per aumentare la produzione, mettendo a rischio la sicurezza di tutti”, ha spiegato Bourla.

Il vaccino Pfizer/BioNTech è stato il primo ad avere l’ok negli Stati Uniti a dicembre scorso, sulla base di due mesi di dati sulla sicurezza raccolti su circa 44mila persone. L’approvazione piena consentirebbe alle due società di commercializzare direttamente il vaccino alle persone dai 16 anni in su. Una volta che la domanda sarà formalmente inoltrata, la FDA fisserà una data entro la quale prenderà la sua decisione definitiva. Le due aziende prevedono di presentare i dati a supporto della domanda nelle prossime settimane.

Fonte: Reuters Health News
(Versione italiana Daily Health Industry)

Notizie correlate

Lascia un commento