Vaccini: nasce in Italia Sanofi Pasteur. La guiderà Mario Merlo

22 dicembre, 2016 nessun commento


Nasce in Italia il 31 dicembre 2016 la divisione di Sanofi specializzata in vaccini a uso umano. La nuova business unit si chiamerà Sanofi Pasteur e gestirà anche in Italia e a Malta l’intero portfolio dei vaccini Sanofi, con due sedi, a Milano e a Roma. Tre le aree di intervento: Prima infanzia e Crescita, vaccini Antinfluenzali e per i Viaggi. Alla guida della nuova business unit Mario Merlo, nel ruolo di General Manager.Sono emozionato e motivato – commenta Merlo – Oggi dobbiamo proteggere e accrescere il valore della vaccinazione e la sua percezione. Il nostro impegno sarà rispondere alle esigenze di prevenzione delle persone, mentre affrontiamo questa sfida culturale.E lo faremo con umiltà, coraggio e passione”.

Biologo molecolare, 44enne ligure ma torinese di adozione, Mario Merlo è in Sanofi dal 1998. Ha ricoperto funzioni di crescente responsabilità fino a guidare la divisione Diabete come Direttore e a diventare membro del Leadership team di Sanofi in Italia nel 2013. Successivamente ha diretto la divisione Cardiovascolare nell’ambito dell’attuale Business Unit Diabetes & Cardiovascular di Sanofi. Dal 2012 e per tutto il 2016 è stato membro della giunta esecutiva di Assobiomedica. La nascita della Business Unit Sanofi Pasteur è conseguente alla chiusura ufficiale della joint venture Sanofi Pasteur MSD che sarà effettiva dal 31 dicembre 2016. Sanofi Pasteur è la divisione Vaccini di Sanofi. Grazie a più di un secolo di esperienza nella ricerca e nella produzione di vaccini di alta qualità, è oggi una delle principali realtà al mondo dedicata alla prevenzione di numerose patologie infettive che rappresentano ancora importanti sfide di salute pubblica. Investe più di un 1 milione di euro al giorno in ricerca e sviluppo e permettendo la vaccinazione di oltre 500 milioni di persone in tutto il mondo con più di un miliardo di dosi di vaccino l’anno.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*