Vaccini COVID: OMS raccomanda dose aggiuntiva per gli immunocompromessi

Condividi:
Share

(Reuters) – L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) raccomanda l’inoculazione di un’ulteriore dose di vaccino anti COVID-19 alle persone immunocompromesse.

Il gruppo di esperti consultati dall’OMS ha affermato che la dose aggiuntiva deve essere offerta “poiché questi individui hanno meno probabilità di rispondere adeguatamente al primo ciclo di vaccinazione e presentano quindi un rischio alto di sviluppare forme gravi di COVID-19”.

Gli esperti hanno inoltre raccomandato che anche le persone con più di 60 anni, già vaccinate con i preparati delle aziende cinesi Sinopharm e Sinovac, ricevano una dose aggiuntiva dopo un intervallo di tempo (uno-tre mesi) dal completamento del primo ciclo vaccinale.

“Attualmente sono state somministrate in tutto il mondo circa 3,5 miliardi di dosi di vaccini anti COVID-19”, dice Kate O’Brien, direttrice delle politiche vaccinali dell’OMS.

“Si stima che ogni mese siano disponibili a livello globale 1,5 miliardi di dosi di vaccino, un quantitativo sufficiente a raggiungere l’obiettivo di immunizzare il 40% della popolazione di ogni nazione del mondo entro la fine dell’anno, ma la distribuzione delle dosi non è omogenea”, sottolinea O’Brien.

Fonte: Reuters Health News
(Versione italiana Daily Health industry)

Notizie correlate

Lascia un commento