Tumore al seno: Pfizer lancia un contest per la gestione delle pazienti con metastasi

12 gennaio, 2017 nessun commento


Anche se la consapevolezza del cancro al seno è aumentata, le pazienti che sviluppano tumori metastatici del seno sono spesso trascurate. Pfizer, in azione comune con Health 2.0,  sta coinvolgendo imprenditori dell’area tecnologico a lavorare su un progetto di engagement delle pazienti.Pfizer, che commercializza Ibrance, un trattamento per il cancro del seno in rapida diffusione, sta sponsorizzando una sfida innovativa chiamando esperti di tecnologia a trovare una soluzione che possa aiutare le donne a vivere meglio con un cancro del seno metastatico. Le donne con metastasi da tumore mammario vivono più a lungo che in passato.

La percentuale di donne ammalate di cancro al seno che sviluppa metastasi varia dal 20 al 30%, e, sebbene la sopravvivenza media sia di tre anni, alcune pazienti vivono 10 anni o anche di più dopo la diagnosi. A differenza delle donne che sopravvivono ai tumori del seno in fase precoce, queste donne entrnao in un regime terapeutico simile a quello dei pazienti cronici.“Il cancro metastatico sta diventando una malattia cronica con esigenze molto specifiche”, dice Maria Koehler, vice presidenti di Pfizer Oncology. “Il problema esiste perché i pazienti vivono per tanti anni convivendo con una malattia che si ritiene non essere curabile. Ciò comporta problemi finanziari, psicologici e familiari. È comunque una sfida per tutti capire come mantenere una qualità di vita accettabile in questi pazienti”. A questo scopo Pfizer ha lanciato negli USA un contest aperto a tutti coloro che possono produrre soluzioni tecnologiche che abbiano un effetto positivo sulla vita di queste pazienti. I concorrenti possono sottoporre le loro idee on-line fino al 20 gennaio. Questi progetti saranno in seguito valutati da una giuria multidisciplinare che include oncologi, pazienti e esperti di tecnologia. La giuria sceglierà cinque semifinalisti e fornirà anche supporto per l’affinamento dei loro progetti. Questa sfida della Pfizer è simile ad altre gestite da case farmaceutiche come “Shark Tank” di Takeda, intrapresa per trovare soluzioni contro la depressione e il concorso di Astella Oncology, sempre in campo oncologico.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*