Tra imaging e biopsie liquide, ecco il 2017 dei medical device

25 gennaio, 2017 nessun commento


Dalle terapie basate sui videogiochi alla biopsia liquida per il cancro. Il ventaglio dei dispositivi medici si sta sempre più ampliando, fin quasi a ridefinire il concetto stesso di dispositivo. Non sono pochi i prodotti tecnologicamente rivoluzionari e le patologie cui sono indirizzati. Vediamo in una rapida carrellata le aziende al momento più attive.
Acutus Medical sta cercando di migliorare l’ablazione con catetere come trattamento per la fibrillazione atriale, utilizzando un’alternativa alla tradizionale mappatura dell’attività cardiaca basata sulla tensione. Al momento la procedura ha successo solo per circa metà del tempo e l’azienda sta cercando di portare il tasso di successo al 100% attaverso il sistema AcQMap. RefleXion Medical sta combinando PET e radioterapia in un unico dispositivo in modo che, per la prima volta, la radioterapia possa essere guidata dalle immagini in tempo reale.
Nel frattempo, Arterys e Zebra Medical stanno lavorando su sistemi che leggeranno e faranno diagnosi sulla base di immagini mediche, semplificando un processo che oggi richiede molto tempo. Arterys cerca non solo di accelerare il processo decisionale medico, ma anche di “trasformare l’assistenza sanitaria”, rendendo l’analisi delle immagini un processo coerente, quantitativo e data-driven. Zebra, invece, commercializza agli ospedali algoritmi di analisi di immagini e – da novembre 2016 – si rivolge ai pazienti, con l’obiettivo di portare i servizi di radiologia di fascia alta a un pubblico più ampio. Akili Interactive ha implementato un trattamento basato sui videogiochi per l’ADHD in fase 3 e ne sta sviluppando la tecnologia anche per scopi diagnostici. E G-Therapeutics sta lavorando a ripristinare la funzione degli arti inferiori nelle persone con lesioni del midollo spinale combinando insieme un neurostimolatore e il gravity-assisted training.
Nel campo della diagnostica lo spinoff di Illumina, Graal, sta cercando di applicare la biopsia liquida – attualmente utilizzata per guidare il trattamento nelle persone che hanno già sviluppato la malattia – anche nella diagnosi oncologica precoce. Auris Surgical Robotics e la joint venture di J & J/Verily Verb Surgical stanno entrambe cercando di guadagnare terreno nell’ambito della chirurgia robotica, che è stata a lungo guidata da Intuitive Surgical.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*