Takeda, disponibile anche in Italia la siringa preriempita di lanadelumab per angioedema ereditario

Condividi:
Share

E’ disponibile anche in Italia per i pazienti con angioedema ereditario la siringa preriempita di lanadelumab di Takeda. La nuova iniezione sottocutanea per la prevenzione di routine degli attacchi ricorrenti di angioedema ereditario (HAE) in pazienti dai 12 anni in su richiede alla maggior parte dei pazienti un minuto o meno per l’autosomministrazione.

“Gli attacchi di angioedema ereditario sono imprevedibili e particolarmente invalidanti per questi pazienti. Di conseguenza il nostro obiettivo è contribuire ad eliminarli il più possibile – afferma Alfonso Gentile, Medical & Regulatory Director Takeda Italia – La disponibilità di lanadelumab, anticorpo monoclonale per il trattamento preventivo dell’angioedema ereditario, rappresenta un’opzione di trattamento in più per aiutare a prevenirne gli attacchi, con notevole miglioramento della qualità di vita del paziente stesso”.

Lanadelumab è un anticorpo monoclonale (mAb) umano che inibisce l’attività della callicreina plasmatica – il cui aumento dell’attività porta ad attacchi improvvisi nelle persone con angioedema ereditario – per aiutare a prevenire gli attacchi di HAE.

Nello studio di fase III HELP (Hereditary Angioedema Long-term Prophylaxis) di 26 settimane, che comprendeva 125 persone con angioedema ereditario, lanadelumab ha ridotto il numero medio di attacchi mensili di HAE dell’87% rispetto al placebo, somministrato a 300 mg ogni due settimane e del 73% rispetto al placebo somministrato a 300 mg ogni quattro settimane (P>0,001 corretto).

Un’analisi esplorativa pre-specificata ha mostrato che durante l’intero studio di 26 settimane (giorni 0-182), il 44% (n=12/27) dei pazienti che assumevano lanadelumab 300 mg ogni due settimane era privo di attacchi rispetto al 2% (n=1/41) dei pazienti che assumevano il placebo.

Un’analisi di sensibilità post-hoc ha mostrato che il 77% (n=20/26) dei pazienti che ha ricevuto lanadelumab 300 mg ogni due settimane sono stati esenti da attacchi durante il regime stazionario (giorno 70-182) rispetto al 3% dei pazienti con placebo (n=1/37). 6 L’HELP Study è il più grande studio di prevenzione clinica randomizzato e controllato condotto finora nell’angioedema ereditario.

Lanadelumab ha un’emivita di circa due settimane e può essere auto-somministrato come un’iniezione sottocutanea ogni due settimane. 2 Negli studi clinici, la maggior parte dei pazienti ha impiegato da 10 a 60 secondi per somministrare l’iniezione.

“Siamo particolarmente orgogliosi di poter offrire ai pazienti un risultato importante della nostra ricerca: la somministrazione sottocutanea di lanadelumab conferma il forte impegno di Takeda nel rispondere ai bisogni ancora insoddisfatti dei pazienti con patologie rare e ribadisce la focalizzazione verso l’innovazione farmaceutica”, afferma Annarita Egidi, General Manager di Takeda Italia.

Notizie correlate

Lascia un commento