Sede EMA

“L’Europa ha perso una grande occasione, non si può scegliere con il lancio di una monetina, ci adeguiamo alle regole ma bisognerebbe interrogarsi su quanto accaduto”. Questo il commento del direttore generale dell’Aifa, Mario Melazzini, alla notizia dell’assegnazione della nuova

“Delusione e amarezza per la sconfitta al sorteggio dopo due turni vinti. Rimane il valore della candidatura di Milano su cui l’Italia ha fatto sistema”. Così il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha commentato a caldo, con un tweet, l’esito

“Grazie a Milano e grazie a tutti coloro che si sono impegnati per Ema, nelle istituzioni e nel privato. Una candidatura solida sconfitta solo da un sorteggio. Che beffa!”. E’ il commento su Twitter del Presidente del consiglio Paolo Gentiloni

“Abbiamo vinto lo stesso. L’Italia ha dimostrato di conquistare il gradino più alto del podio per la valutazione di merito. Nelle prime votazioni ha infatti ottenuto più voti delle altre candidate. A dimostrazione del fatto che Milano rispondeva al meglio

Una monetina. Come nei peggiori incubi calcistici. Una monetina spegne i sogni di Milano nuova sede dell’Ema. Alle ore 18,15 di lunedì 20 novembre, dopo due turni di votazione e un ballottaggio, Milano si trova ancora testa a testa con

“L’Italia con l’Ema a Milano ha perso un’importante opportunità, ma ha dimostrato che facendo sistema si può essere davvero competitivi. Ora però ci aspetta il compito più difficile: non disperdere le energie e le risorse e continuare a fare quadrato,

Ore 18,13. Al sorteggio prevale Amsterdam

Ballottaggio terminato. Parità tra Milano e Amsterdam. Si va al sorteggio

Ore 18,20. E’ partito il ballottaggio fra Milano e Amsterdam per l’assegnazione della sede Ema

Ore 17,34 . Milano ha ottenuto 12 punti al secondo round, Amsterdam 9. Ora le due città vanno al ballottaggio.

Alle ore 17,12 è cominciato il secondo round di votazione. Milano al primo turno ha ottenuto 25 voti. Copenaghen e Amsterdam 20.

Ore 17. Milano passa il primo turno nella votazione segreta per l’assegnazione dell’Agenzia europea del farmaco. Sono passate anche Amsterdam e Copenhagen. La votazione prevede fino ad un massimo di tre round. Tra poco dovrebbe iniziare il secondo round. “Con il

A poche ore dal voto – sono le 12, 45 – Dublino, Malta e Zagabria si ritirano dalla corsa per l’attribuzione dell’Agenzia europea dei medicinali. Sono quindi 16, allo stato, le città candidate ad ospitare l’Agenzia europea del farmaco: oltre

Attesa a Milano per la votazione di oggi pomeriggio a Bruxelles. Tra le 19 città candidate, Milano è tra le favorite. I Paesi chiamati a decidere sono 27. Le operazioni di voto, a cui per l’Italia partecipa il sottosegretario agli

“Non lo posso affermare perché  sono scaramantica, però diciamo che siamo totalmente e pienamente in partita”. Lo ha detto il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, riferendosi alla decisione in merito alla scelta della nuova sede per l’Agenzia Europea del Farmaco,

Risolti i problemi con l’indipendenza della Catalogna, il Ministro della salute spagnolo, Dolors Montserrat, ha annunciato che Barcellona è di nuovo candidata tra le città pronte a ospitare la sede dell’Agenzia Europea dei Medicinali. L’Unione Europea dovrà scegliere, lunedì prossimo,