Serelaxin (Novartis) fallisce endpoint studio avanzato

23 marzo, 2017 nessun commento


(Reuters Health) – Serelaxin, il farmaco di Novartis in studio per l’insufficienza cardiaca, non è riuscito a ridurre il numero di morti per cause cardiovascolari, né a rallentare la progressione della malattia, quando aggiunto alla terapia standard. E così l’azienda svizzera potrebbe ora decidere di abbandonare il prodotto. Dopo la diffusione della notizia da parte dell’azienda, le azioni di Novartis hanno perso il 2,2%. Serelaxin è una forma ricombinante della relaxina-2 umana che già nel 2014 fallì l’approvazione da parte degli enti regolatori americano ed europeo. Ma Novartis aveva deciso di andare avanti con la sperimentazione – lo studio di fase III RELAX-AHF-2 –  nella speranza di avere dati sufficienti per far cambiare idea a FDA ed EMA. “Siamo delusi per il fatto che questo studio non sia riuscito a confermare l’efficacia di RLX30 – ha dichiarato Vas Narasimhan, responsabile della divisione sviluppo di farmaci di Novartis – ma continueremo ad analizzare i risultati per capire dove il farmaco ha sbagliato”. Serelaxin avrebbe dovuto  riempire, nell’area cardiovascolare, il vuoto lasciato da valsartan, il cui brevetto negli USA è scaduto nel 2012. A essere delusi sono anche gli investitori, che stimavano vendite per la relaxina ricombinante per circa due miliardi di dollari entro il 2020, se fosse stata approvata.

Fonte: Reuters Health News

Reuters Staff

(Versione italiana per Daily Health Industry)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*