Sede Ema, Parlamento UE vota Amsterdam. Il no di Lancini (Lega)

25 ottobre, 2018 nessun commento


Con il voto di ieri mattina del Parlamento Europeo si è chiusa definitivamente la questione della sede Ema. L’assemblea ha ratificato l’assegnazione ad Amsterdam, votando a favore del rapporto presentato dall’eurodeputato italiano Giovanni La Via (Forza Italia/Ppe).

Una vicenda, quella dell’assegnazione della sede Ema post Brexit, al centro della cronaca per quasi un anno, da quando il 20 novembre 2017 la capitale olandese supera Milano al sorteggio, dopo che le due città hanno “pareggiato” nella valutazione dei dossier presentati.

Tra gennaio ed aprile 2018 la designazione di Amsterdam comincia a scricchiolare. Il Comune di Milano ricorre prima al Tribunale europeo, chiedendo l’annullamento dell’assegnazione della nuova sede, e poi alla Corte di Giustizia UE, con il patrocinio dell’attuale ministro degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi. Niente da fare.

Pochi giorni fa, un gruppo di europarlamentari italiani invia una lettera al Governo italiano affinché si attivi nel riproporre Milano. Amsterdam, secondo i firmatari della lettera, sta accumulando troppi ritardi.
Infine l’epilogo di oggi.  “I lavori ad Amsterdam procedono, la sede provvisoria è pronta, aspetta il trasferimento di Ema che è previsto per il primo gennaio, mentre la sede definitiva, il Vivaldi Building, che fino ad adesso era stato oggetto di contestazione, perché quando siamo andati a fare un sopralluogo c’era un terreno fangoso, oggi invece c’è un palazzo alto già 80 metri, ovviamente non completo, ma la consegna che era prevista prima del novembre 2019, sembrerebbe in linea con il calendario della costruzione”, commenta l’eurodeputato Giovanni La Via .

“Non siamo preoccupati, ma sicuramente bisogna seguire i lavori e verificare a che punto è la struttura definitiva dove andrà l’agenzia – aggiunge La Via- In questo momento non ci sono proprio grossi ritardi e chi cavalca i grossi ritardi forse non è andato a vedere, perché la costruzione procede a 10 centimetri l’ora, quindi sono di una grande rapidità e sono arrivati ad un buon livello costruttivo. il Parlamento riporta una serie di vittorie significative, come il monitoraggio trimestrale, la possibilità di rivedere quegli accordi che avevano bloccato sino ad ora la procedura”.

Di tutt’altro avviso l’europarlamentare della Lega Oscar Lancini, che ha votato contro il dossier presentato da La Via. “Oggi il mio voto contrario al dossier, che rispecchia la linea comune dell’intera delegazione leghista, intende denunciare l’opacità di tutto il processo che ha portato a scegliere Amsterdam come sede dell’EMA. Come custodi della voce e dei diritti dei cittadini europei, non possiamo permettere che la loro salute sia affidata ad una decisione che mostra palesi e gravi lacune nella trasparenza, la quale rappresenta la precondizione per un corretto svolgimento della vita democratica nell’Unione”.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*