Sanofi-Regeneron: FDA approva Dupixent per la dermatite atopica

29 marzo, 2017 nessun commento


La FDA ha dato l’ok all’immissione in commercio di Dupixent (dupilumab), per la cura della della dermatite atopica di grado moderato e severo. E ora Sanofi e Regeneron sono pronte a scalare il mercato. Con un prezzo di base di 37 mila dollari, le stime di vendite per Dupixent (dupilumab) sfiorano i 3 miliardi di dollari. Questo nuovo prodotto è in grado di inibire l’interleuchina 4 e 13, citochine coinvolte nella difesa immunitaria dalle patologie di base allergica. I dati raccolti dagli studi clinici condotti, che hanno portato all’approvazione di questo farmaco, hanno mostrato un’ampia efficacia nel ridurre alcuni dei sintomi molto pesanti legati a questa malattia (ansia, prurito, macchie sulla pelle). Una capacità di azione che potrebbe rappresentare una svolta per lo stato di salute dei pazienti affetti da gravi forme di dermatite atopica. Ma gli obiettivi delle due aziende non si fermano alla dermatologia. Secondo quanto dichiarato dal CEO di Regeneron, Len Schleifer “questo farmaco potrebbe essere efficace anche contro alle patologie, tra cui l’asma e le riniti”. Una potenzialità che farebbe innalzare di molto i margini di vendita e di leadership di mercato nel campo delle patologie di natura allergica. Ad oggi i trattamenti per la dermatite atopica sono stati spesso rappresentati dall’impiego off-label di corticosteroidi, con effetti non sempre efficaci e positivi sui pazienti. Nel 2010 anche Amgen aveva provato a lanciare un farmaco specifico ma i dati raccolti avevano portato all’interruzione dello studio. Per Dupixent sono stati invece condotti studi clinici di circa 16 settimane di durata. Entrambi hanno dimostrato una riduzione degli effetti e dei sintomi della patologia pari il 36 e 38%, rispetto all’8-10% del gruppo placebo. Dopo 52 settimane di trattamento i pazienti hanno mostrato un miglioramento pari all’80%, rispetto al 46% di quelli trattati con steroidi.

 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*