Roche, offensiva USA dei biosimilari

22 Luglio, 2019 nessun commento


Condividi:
Share

Per anni i tre farmaci oncologici di successo di RocheRituxan, Herceptin e Avastin – hanno dominato le vendite negli Stati Uniti e all’estero. Per due di loro, ora, è arrivato il momento della concorrenza dei biosimilari anche negli USA.

Amgen e Allergan hanno infatti lanciato sul mercato statunitense sia i biosimilari di Herceptin contro il carcinoma mammario HER2 sia quelli di Avastin, impiegato per il trattamento del cancro del colon-retto, insidiando in questo modo i 5,9 miliardi di dollari ricavati dalle vendite negli Stati Uniti nel 2018.

Mvasi, biosimilare di Avastin prodotto da Amgen, è stato il primo biosimilare oncologico approvato dalla FDA nel 2017, mentre l’agenzia regolatoria ha approvato a giugno Kanjinti, biosimilare di Herceptin.

Le due aziende hanno dichiarato che entrambi i farmaci verranno lanciati a un prezzo di listino all’ingrosso inferiore del 15% rispetto ai due farmaci originali di riferimento.

Per Mvasi questo significa che negli USA costerà 677,40 dollari per 100 milligrammi e 2.709,60 dollari per una fiala monodose da 400 mg. Kanjinti verrà invece venduto sul mercato al prezzo di 3.697,26 dollari per flaconcino multidose da 420 mg.

Dopo Herceptin e Avastin, Rituxan dovrebbe essere il terzo farmaco di Roche a subire l’offesniva dei biosimilari.

Teva e Celltrion dovrebbero infatti lanciare Truxima, biosimilare di Rituxan, entro quest’anno.

Una copia di Rituxan prodotta da Shanghai Henlius Biotech di Fosun Pharma è stato il primo biosimilare approvato in Cina.

In Europa, dove i biosimilari di Rituxan sono già sul mercato, le vendite del farmaco sono crollate del 46% nel quarto trimestre del 2018.

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*