Ricerca: nasce il Biohub di Marck Zuckerberg (Facebook)

23 settembre, 2016 nessun commento


(Reuters Health) – Il CEO di Facebook, Mark Zuckerberg, e la moglie Priscilla Chan hanno annunciato di voler destinare più di tre miliardi di dollari a un piano per “curare, prevenire o gestire tutte le malattie che si presentano nell’arco della vita dei nostri figli”. Parlando tra le lacrime durante un evento tenutosi a San Francisco per annunciare l’iniziativa, Chan ha detto di sperare di risparmiare ai genitori il dolore che vedeva quando doveva dare notizie difficili nel suo lavoro di pediatra. “In quei momenti e in molti altri ci troviamo al limite di ciò che si conosce sul corpo umano e sulle malattie, sulla scienza che sta dietro alla medicina, ci troviamo al confine della nostra capacità di alleviare le sofferenze. Quello che vogliamo fare è spingere più in là questo limite”, ha affermato Priscilla Chan.

Zuckerberg ha messo in luce come la comunità medica e scientifica abbia fatto dei rapidi passi in avanti negli ultimi 50 anni, con le tappe più importanti rappresentate dall’eradicazione del vaiolo e dalla quasi completa eliminazione della polio. “Oggi, solo quattro tipi di malattie causano la maggior parte dei decessi”, ha aggiunto Zuckerberg in un post sulla sua pagina Facebook, citando cancro, cardiopatie, malattie infettive e patologie neurologiche. “Con la tecnologia appropriata possiamo fare progressi in tutti questi campi”.

Il piano di Zuckerberg
Il piano prevede la creazione di un centro di ricerca bioscientifica, chiamato Biohub, per lo sviluppo di un chip per diagnosticare le malattie e di device per monitorare continuamente il flusso sanguigno e mappare le cellule del corpo. Nei prossimi dieci anni, Chan e Zuckerberg doneranno 600 millioni di dollari al Biohub di San Francisco, che mette insieme ricercatori della Bay Area e scienziati provenienti dalle sedi dell’Università della California di San Francisco e Berkeley e dall’Università di Standford.

I progetti iniziali del Biohub sono rappresentati dalla redazione di un Atlante delle Cellule, ovvero una mappa delle cellule che controllano gli organi principali del corpo, e dalla Infectious Disease Initiative per sviluppare nuovi strumenti, test, vaccini e strategie per combattere malattie come HIV, Ebola e Zika.

Il Biohub sarà diretto da Joseph DeRisi, dell’Università della California di San Francisco, e da Stephen Quake, il cui lavoro prevede lo screening delle piccole molecole e le misurazioni biologiche. Cori Bargmann, un neuroscenziato della Rockefeller University, sarà a capo delle iniziative scientifiche di Chan Zuckerberg.

Ciascuna ricerca, strumento e materiale proveniente dal Biohub, che opererà con un network di 10-15 laboratori in tutto il mondo, sarà “disponibile ad ogni scienziato e ovunque”, ha spiegato Bargmann.

Fonte: Reuters Health News

(Versione italiana per Daily Health Industry)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*