Prezzi farmaci, Eli Lilly: in cinque anni sconti aumentati del 50 per cento

22 marzo, 2017 nessun commento


Eli Lilly, in un recente report, ha dichiarato che negli ultimi cinque anni gli sconti sul prezzo dei suoi farmaci sarebbero aumentati del 50%. L’azienda americana si unisce così a J&J e Merck, che hanno pubblicato dati su sconti e riduzioni dei prezzi dei farmaci Dopo aver aumentato i prezzi di listino in media del 14% nel 2016, Eli Lilly ha dichiarato un guadagno netto del 2,4%. Un passo indietro rispetto al 2015, quando l’aumento del prezzi prezzi di listino è stato del 16,3% e le entrate nette del 9,4%. Per fare un confronto, secondo l’azienda americana, nel 2012 gli sconti erano, in media, del 28%. A pesare sarebbero stati anche gli sconti ‘obbligatori’ imposti dall’Affordable Care Act, entrato in vigore nel 2010

J&J e Merck
Anche altre aziende, prima di Lilly, hanno apertamente dichiarato quanto gli sconti hanno ‘pesato’ sulle loro entrate. Così Johnson & Johnson ha sottolineato di non aver aumentato il prezzo dei suoi farmaci oltre la singola cifra percentuale, tanto che nel 2016 avrebbe pagato 11 miliardi di dollari tra sconti e riduzioni e un 3,5% di aumento netto medio dei prezzi. Anche Merck ha rivelato le sue ‘perdite’. In media, sconti e riduzioni sarebbero cresciuti del 40% nel 2016, dal 27% del 2010. E a fronte di un aumento medio dei prezzi del 9,6%, il guadagno sarebbe stato del 5,5%, lo scorso anno.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*