Pharma sempre più a misura di donna. Nei consumi e nella leadership

13 giugno, 2016 nessun commento


Il marketing sanitario e farmaceutico sono riconosciuti come ambiti in cui le donne possono fare carriera, ma non sempre riescono ad arrivare al top. In molte aziende e agenzie sanitarie, le sale riunioni sono ancora prevalentemente maschili.
All’inaugurazione del Medical Marketing & Media Hall of Femme a New York, un gruppo di donne dirigenti nel settore sanitario hanno discusso su come hanno costruito la loro carriera e su come ottenere maggiore parità di genere nella leadership.

Le testimonianze
Shabnam Kazmi, Vice President access and adherence di Otsuka America Pharmaceutica,  e Sierra Towers, direttrice del marketing cardiovascolare per Boehringer Ingelheim, hanno fornito molti consigli per le donne che cercano di accedere a posizioni di leadership nelle loro aziende.
Nell’assistenza sanitaria, la maggior parte dei “consumatori” sono donne, il che rende più facile per il marketing sanitario di sesso femminile essere in sintonia e capire le esigenze delle clienti/pazienti. Avere più donne ai vertici delle aziende sanitarie potrebbe avere ricadute favorevoli, portando a migliori relazioni con il paziente.
“Alla fine di tutto ciò che facciamo c’è il paziente o il caregiver, che è spesso una donna – ha evidenziato Towers – Nel pharma è forte l’aspetto emotivo, anche se, ad oggi, la centralità del paziente no è ancora pienamente osservata. Ma le donne possono contribuire a far tornare nella realtà un po’ di questo aspetto emozionale”.

Valutare i punti di forza
Una delle prime cose che le donne possono fare è valutare i propri punti di forza, pro e contro nel loro lavoro. Kazmi ha fatto il paragone con una scacchiera; ha detto che le donne hanno bisogno di sapere quale pezzo sono sul tavolo prima di compiere le loro mosse. “È necessario pensare alla propria volontà e capacità – ha spiegato Kazmi – Cosa vi spinge internamente? Se si comunica questi interessi e se si educano continuamente le persone intorno a voi, questo li aiuta a pensare a voi come a un mattone della struttura organizzativa”.
Towers ha aggiunto che anche sfidare se stesse è una buona pratica. “Sapere cosa vi interessa e inseguirlo, e riconoscere quello che non siete brave a fare – spiega l’esperta – Sfidate voi stesse a prendere progetti che completano chi siete”.

“Chiedete stipendi più alti”
Le relatrici sono state invitate a esprimersi sul divario di retribuzione e entrambe hanno incoraggiato le donne a chiedere uno stipendio più alto. Kazmi ha riportato l’esperienza di un suo precedente datore di lavoro che sosteneva di pagare sempre meno le donne rispetto agli uomini a parità di mansioni, perché le prime chiedevano sempre uno stipendio più basso. Ha incoraggiato il pubblico a “chiedere di più di quanto avete mai sognato di poter ottenere”.
Infine, le due relatrici hanno incoraggiato le donne a “fare gruppo”, anche quando lavorano per se stesse.
“Sostenetevi a vicenda, non lo facciamo mai abbastanza come donne – ha detto Kazmi – Fa davvero la differenza.”
“Siate il vostro avvocato – ha concluso Towers – Prendete il controllo della vostra carriera, non aspettate che arrivi qualcun altro ad aiutarvi”.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*