Pfizer accordo con Dipartimento di Giustizia Usa per causa Wyeth-Medicaid

28 aprile, 2016 nessun commento


Pfizer ha accettato di pagare 786,4 milioni di dollari per il contenzioso tra Wyeth e Medicaid, il programma federale americano di assicurazione sanitaria. A renderlo noto è stato il Dipartimento di Giustizia statunitense.

Secondo quanto dichiarato dal Dipartimento di Giustizia, il risarcimento riguarderebbe una vicenda legata due farmaci anti-acido, Protonix Oral e Protonix IV, cui Wyeth avrebbe applicato prezzi falsi e fraudolenti.

Pfizer ha acquisito Wyeth nel 2009, circa tre anni dopo la fine della frode imputata a questa azienda. “Siamo contenti di essere arrivati a un accordo, che riguarda cose che sono successe almeno dieci anni fa, prima che acquisissimo Wyeth”, ha dichiarato Doug Lankler, capo dell’ufficio legale di Pfizer. “La risoluzione di queste controversie riflette il nostro desiderio di metterci alle spalle queste vecchie storie e focalizzarci sui bisogni dei pazienti”.

Il caso
Secondo la ricostruzione, Wyeth avrebbe offerto agli ospedali grossi sconti su due farmaci, Protonix per via orale e per via endovenosa, per far sì che queste strutture li usassero al posto di farmaci più competitivi economicamente, già presenti sul mercato. Sconti che invece sarebbero nascosti a Medicaid, che avrebbe pagato tariffe più alte.

La vicenda venne scoperta a seguito delle denunce di un informatore scientifico, Lauren Kieff, rappresentante di un’azienda concorrente, e di William John LaCorte, un medico di New Orleans.Secondo il Dipartimento di Giustizia, i due si divideranno i 98 milioni di dollari dell’ammontare della multa. Sulla base dell’accordo, Wyeth dovrà pagare poco più di 413 milioni di dollari agli Stati Uniti e più di 371 milioni di dollari a Medicaid. Circa 93,7 milioni di dollari andranno al programma Madicaid dello Stato di New York, di cui 55,6 milioni di dollari andranno in tasca allo Stato.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:, ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*