Pfizer: per Credit Suisse risultati Q1 impressionanti

4 maggio, 2016 nessun commento


(Reuters Health) -Un buon inizio di 2016 per Pfizer. Dopo aver abbandonato l’operazione Allergan, per l’acquisizione della società con sede in Irlanda, i risultati del primo trimestre sono stati maggiori delle stime previste. Grazie alle vendite dei nuovi farmaci antitumorali e contro l’artrite, e grazie all’acquisizione, lo scorso anno, della società di prodotti ospedalieri Hospira, Pfizer avrebbe anche aumentato le previsioni di entrate e guadagni per l’anno, aiutata in parte anche dal dollaro debole.

Vendite a +20%
Le vendite globali della società americana sono salite del 20%, a 13 miliardi di dollari, nel primo trimestre, un miliardo in più di quanto previsto dagli analisti di Wall Street. Ma il trimestre comprende quattro giorni in più, che non c’erano nello stesso periodo del 2015 e che hanno portato entrate per 900 milioni di dollari. E gli stessi giorni andranno a pesare sul quarto trimestre, che conterà meno giorni.

Vamil Divan analista della Credit Suisse  ha dichiarato che i risultati di Pfizer sono “impressionanti”, con molte classi di farmaci che hanno superato le aspettative di vendita; tuttavia l’esperto avverte che gli investitori sono comunque ansiosi di sapere quali decisioni prenderà il colosso americano dopo il fallimento dell’acquisizione di Allergan. Un’operazione che avrebbe portato il domicilio di Pfizer a Dublino, con benefici fiscali, e che proprio per questo è stata ostacolata da una legge del Dipartimento del Tesoro americano.

Scenari possibili
Molti analisti sono infatti convinti che Pfizer debba acquistare nuovi medicinali o intere società per assicurarsi delle crescite competitive. Nel frattempo, il farmaco lanciato di recente per il trattamento del tumore del seno, Ibrance, si avvia a diventare un bluckbuster, con vendite che sono salite a 429 milioni di dollari, dai 38 milioni dello stesso trimestre dello scorso anno.

Damien Conover, analista di Morningstar, ha sottolineato come le vendite del farmaco contro l’artrite reumatoide Xeljanz sarebbero raddoppiate dopo l’aggiornamento delle linee guida da parte dell’American College of Rheumatology, che hanno di fatto messo il farmaco di Pfizer alla pari di altri trattamenti per via iniettabile nei pazienti sui quali non hanno funzionato altre terapie.

Crescono le vendite dei generici. + 17%
Con il fallimento dell’operazione Allergan, Pfizer dovrà decidere se vendere o separare la parte dell’azienda dedicata ai farmaci generici. Una decisione che la stessa azienda ha annunciato di dover prendere entro il 2019. Secondo Conover, Pfizer dunque nel corso dell’anno si limiterà a ‘basse’ offerte, nel range di 5 – 20 miliardi di dollari. “L’azienda americana ha comunque bisogno di capire se scindersi in due parti prima di fare delle operazioni importanti”, ha dichiarato l’esperto.

Nel frattempo, le vendite dei generici di Pfizer sono salite del 17% nel trimestre, raggiungendo i 5,97 miliardi di dollari, mentre il fatturato dai farmaci coperti da brevetto è schizzato al 23%, con 7,03 miliardi di dollari di vendite. Nel settembre 2015, Pfizer ha completato l’acquisto di Hospira per 16 miliardi di dollari, che ha portato in Pfizer una vasto gamma di farmaci e apparecchi di uso ospedaliero, specialmente prodotti sterili per iniettabili. E le vendite di questi prodotti hanno fatto guadagnare a Pfizer 1,2 miliardi di dollari nel trimestre.

Secondo Thomson Reuters I/B/E/S, il guadagno netto è salito a 3,02 miliardi di dollari da 2,38 miliardi dell’anno precedente. Escludendo gli ‘special items’, Pfizer avrebbe guadagnato 67 centesimi per azione, molto sopra la media stimata dagli analisti di 55 centesimi per azione. L’azienda americana attende guadagni compresi tra i 51 e i 53 miliardi di dollari, rispetto ai 49-51 previsti.

Fonte: Reuters

Ankur Banarjee e Meredith Mazzilli

(Versione italiana Daily Health Industry)

 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*