Pfizer e Akcea: accordo per sviluppare terapia antisenso nel cardiometabolico

8 Ottobre, 2019 nessun commento


Condividi:
Share

Akcea Therapeutics ha siglato un accordo con Pfizer da 250 milioni di dollari per una terapia antisenso da sviluppare contro “alcune malattie cardiovascolari e metaboliche”.

Akcea sta già testando il trattamento, AKCEA-ANGPTL3-LRx, in uno studio di fase 2 su pazienti con diabete di tipo 2, ipertrigliceridemia ed epatopatia grassa non alcolica.

In base all’accordo, Akcea e Ionis Therapeutics – la società che ha trasformato quattro dei suoi programmi nel 2015 – divideranno i costi della licenza e i pagamenti di milestones che potrebbero ammontare a 1,3 miliardi di dollari.

Pfizer avrà la responsabilità tutte le attività di sviluppo e regolamentazione oltre lo studio di fase 2 attualmente in corso. Prima che Pfizer richieda l’approvazione del trattamento, Akcea potrà optare per “determinate attività di commercializzazione” con Pfizer negli Stati Uniti e per “determinati mercati aggiuntivi”, come affermano le due società in una nota.

Il trattamento antisenso ha lo scopo di ridurre la produzione di una proteina chiamata angiopoietin-like 3 (ANGPTL3) nel fegato. La proteina svolge un ruolo chiave nella regolazione del metabolismo energetico, dei trigliceridi, del colesterolo e del glucosio.

“AKCEA-ANGPTL3-LRx ha il potenziale per curare le persone che soffrono di alcune malattie cardiovascolari e metaboliche. Considerata la necessità insoddisfatta di questa popolazione di pazienti e l’ampio potenziale di mercato, riteniamo che l’esperienza di Pfizer e l’ampiezza della sua esperienza nel campo delle malattie cardiovascolari e metaboliche la rendano adatta per accelerare lo sviluppo clinico di AKCEA-ANGPTL3-LRx in modo da renderlo disponibile per chi è affetto da queste malattie potenzialmente letali”, ha dichiarato il CEO ad interim di Akcea, Damien McDevitt.

“AKCEA-ANGPTL3-LRx è una nuova terapia che completerà la nostra pipeline clinica di medicina interna e crediamo che la nostra profonda esperienza nelle malattie cardiovascolari e metaboliche contribuirà a consentire a questo programma di raggiungere la sua massima efficacia per i pazienti”, aggiunge Mikael Dolsten, direttore scientifico e presidente di R&S globale presso Pfizer.

Tag:,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*