Orizzonte cinese per il business diabete di J&J

18 gennaio, 2018 nessun commento


(Reuters Health) – Alcune pharma cinesi sono interessate al business del diabete di Johnson & Johnson e si starebbero muovendo  per cercare un accordo dal potenziale valore di 4 miliardi di dollari. Già lo scorso anno, proprio nel mese di gennaio, il quartier generale di New Brunswick aveva valutato la possibilità di vendita delle sue aziende dedicate alla cura del diabete;  LifeScan Inc, Animas Corp e Calibra Medical Inc. Una delle opzioni presa in considerazione era la vendita dell’intero ramo di business. L’interesse cinese per le aziende di J& J arriva in un momento in cui il mercato farmaceutico del diabete in Cina è dato in rapida crescita. Secondo le stime dell’OMS, quasi un malato di diabete su su tre malati vive nel Paese asiatico. Tra i potenziali offerenti c’è un consorzio formato da Sinocare Inc, quotata a Shenzhen, che sviluppa e produce sistemi di monitoraggio dello zucchero nel sangue, e il fondo China Jianyin Investment (JIC), che fa parte del China Investment Corp. “La valutazione delle potenziali opzioni strategiche per LifeScan  e Calibra Medical è in corso e non abbiamo nessuna novità in merito a queste attività in questo momento”, ha detto un portavoce di J&J. Non è ancora chiaro se i potenziali acquirenti cinesi siano interessati all’intera attività di cura del diabete di J & J o solamente a una o più aziende associate. Sinocare, che ha una capitalizzazione di mercato di circa 1,8 miliardi di dollari, nel 2015 ha collaborato con Citic Securities per cercare di entrare nel business dei dispositivi per diabetici di Bayer, venduto poi a Panasonic Healthcare Holdings in Giappone, di proprietà della società di investimento statunitense KKR.

Non solo pharma
La vendita del business del diabete attira anche le attenzioni dei fondi globali di private equity.  I ricavi del bjusiness del diabete di J & J sono in calo dal 2012, secondo uno studio di Reuters basato sui risultati finanziari della compagnia. Nei primi nove mesi del 2017 le vendite sono diminuite del 7,7% su base annua. Nel 2016 il calo è stato simile. Ad ottobre 2017, Animas Corp, l’unità di cura del diabete che produce pompe per insulina, ha comunicato che chiuderà la sua attività negli Stati Uniti e in Canada a causa della crescente concorrenza. La cessione del business nel continente asiatico rappresenterebbe un’operazione finanziaria ad alta redditività. “È possibile che una società cinese possa far meglio di una multinazionale? Si, perché una compagnia cinese ha aspettative di redditività diverse rispetto alle multinazionali e potrebbe quindi accontentarsi di margini di guadagno inferiori”, dice Franck Le Deu, partner senior di Hong Kong presso la società di consulenza McKinsey.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*