Novartis e Amgen: i dati del più vasto studio real world sull’emicrania

26 luglio, 2018 nessun commento


Mentre Novartis e Amgen lavorano per tenere il passo della domanda relativa al loro nuovo farmaco contro l’emicrania, Aimovig, un nuovo studio supportato da entrambe le aziende farmaceutiche esamina le esigenze reali dei pazienti con emicrania. My Migraine Voice, avviato e finanziato da Novartis e dall’European Emicrania e Headache Alliance, con Amgen nel comitato direttivo, ha fatto il punto sugli effetti dell’emicrania sui lavoratori e sui datori di lavoro.

L’indagine, eseguita su oltre 11.000 malati di emicrania provenienti da 31 paesi, ha rilevato che oltre il 60% dei pazienti perde quasi un’intera settimana di lavoro (4,6 giorni) ogni mese a causa dell’emicrania. Ancora più numerosi sono quelli che lo studio, con un neologismo, definisce giorni di presentismo: sono le giornate lavorative (in media 9,4 al mese)  in cui i malati non riescono a lavorare a pieno ritmo perché si stanno ancora riprendendo da un episodio di emicrania o stanno iniziando il successivo. Il risultato? La produttività lavorativa a livello mondiale è dimezzata dall’emicrania e il sostegno dei datori di lavoro non è sufficiente. Negli Stati Uniti, in particolare, i pazienti emicranici hanno affermato che la maggior parte dei datori di lavoro (80%) era a conoscenza del loro stato di salute, ma solo il 21% ha offerto supporto. “My Migraine Voice mirava a svelare il peso mondiale dell’emicrania dal punto di vista del paziente in un contesto reale”, ha dichiarato Danny Bar-Zohar, responsabile globale dello sviluppo delle neuroscienze a Novartis. “Quando un’azienda farmaceutica esegue uno studio clinico su un nuovo farmaco, lo fa in condizioni relativamente sterili. Con questo studio abbiamo voluto ascoltare le voci dei pazienti di tutto il mondo, in modo che i loro bisogni potessero essere prima compresi e poi affrontati”. Novartis e Amgen hanno lanciato l’anno scorso una campagna di sensibilizzazione contro l’emicrania chiamata Speak Your Migraine. Le due società sfrutteranno i dati dello studio di Migraine Voice nella campagna di sensibilizzazione, anche se le modalità sono ancora in via di definizione, ha detto un portavoce di Novartis.Aimovig è stato lanciato a maggio con grande entusiasmo e una buona domanda. La forte richiesta di prodotti contro l’emicrania è comunque una buona notizia per i produttori di farmaci. Altre approvazioni dei loro medicinali contro l’emicrania sono attese da Eli Lilly, Teva, Alder e Allergan.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*