MSD, un’altra green light per Keytruda. FDA dice sì a impiego nel tumore gastrico

27 settembre, 2017 nessun commento


Venerdì scorso la FDA ha dato via libera all’impiego di Keytruda nel trattamento del tumore gastrico ricorrente o avanzato in pazienti che hanno già ricevuto almeno due cicli di terapia. L’approvazione accelerata si basa sulla velocità e sulla durata della risposta del tumore al farmaco. Solo pochi mesi dopo il trionfante mese di maggio, Keytruda strappa dunque un’altra luce verde alla FDA. A maggio infatti,  la FDA aveva autorizzato l’utilizzo di Keytruda nella terapia contro tre tipi di cancro: polmonare, della vescica e colon-rettale. MSD vede potenzialità nel mercato dei farmaci contro il cancro allo stomaco e ha recentemente pubblicato ulteriori dati positivi su Keytruda. All’inizio di questo mese, in occasione del Congresso ESMO, la big pharma ha dimostrato che, nella popolazione di pazienti PD-L1 positivi esaminata, circa il 69% ha risposto alla combo Keytruda-chemio. Inoltre, si sono ottenuti risultati positivi nel 60% di tutti i pazienti trattati, indipendentemente dal fatto che fossero PD-L1 positivi o meno. Nell’area dei tumori gastro-intestinali, MSD compete con Bristol-Myers Squibb, il cui prodotto Opdivo si è dimostrato efficace nell’aumentare la durata della sopravvivenza dei pazienti intolleranti alla chemio o che non avevano ottenuto risultati da precedenti cicli di chemioterapia. Una settimana fa BMS ha reso noto che la FDA ha approvato Opdivo come trattamento di seconda linea per la forma più comune di cancro al fegato.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*