MolMed: Germania conferma rimborsabilità Zalmoxis

MolMed: Germania conferma rimborsabilità Zalmoxis
Condividi:
Share

Il Sistema di assicurazione sanitaria pubblica tedesco (GKV) ha approvato la rimborsabilità di Zalmoxis a un prezzo di 130.000 Euro a infusione (prezzo ex-factory al netto di IVA).

Zalmoxis è una terapia cellulare paziente specifica messa a punto dalla biotech italiana MolMed. Rende possibili trapianti di cellule staminali emopoietiche da donatori parzialmente compatibili (aplo-identici) dal punto di vista genetico, controllando il fenomeno del rigetto dovuto alla disparità genetica tra paziente e donatore.

Il costo per paziente si baserà sulla posologia approvata, che prevede da 1 a 4 infusioni, fino al raggiungimento della immuno-ricostituzione, e sull’esperienza clinica, che indica una media di infusioni a paziente di poco superiore a 2.

L’accordo sarà valido a partire dal 15 febbraio 2019 e fa seguito all’autorizzazione concessa nel febbraio 2018 e al conseguente processo di valutazione del valore del farmaco e di negoziazione del prezzo previsti dal sistema AMNOG, con cui il Comitato Federale G-BA ha riconosciuto alla terapia di MolMed un beneficio per il trattamento di pazienti adulti con leucemie ad elevato rischio di ricaduta sottoposti a trapianto aplo-identico di cellule staminali ematopoietiche (haplo-HSCT).

Grazie a tale accordo, valido per i prossimi 24 mesi, Zalmoxis sarà prescrivibile non solo nei 2 centri trapianto finora autorizzati.

“Siamo molto soddisfatti di questo risultato, ottenuto a valle di un rigoroso processo di valutazione e di una approfondita discussione con i rappresentanti del sistema tedesco di assicurazione sanitaria pubblica, che conferma ancora una volta il valore terapeutico di Zalmoxis – commenta Riccardo Palmisano, Amministratore Delegato di MolMed –  Questo nuovo riconoscimento rafforza la nostra ricerca di un nuovo partner commerciale a valle del rientro in MolMed dei diritti commerciali per tutti i Paesi europei, avvenuta a metà novembre dello scorso anno”.

Taggato con:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*