Mieloma multiplo: parte sperimentazione combo BMS-Johnson & Johnson

9 gennaio, 2017 nessun commento


Al via nuovo trial clinico per una combinazione di farmaci antitumorali. Questa volta a unire le forze saranno Bristol-Myers Squibb, con il suo Opdivo, e Johnson & Johnson (in Italia Janssen) con Darzalex. I due farmaci saranno testati nel trattamento del mieloma multiplo e contro diverse altre forme di tumore solido, come il cancro al polmone, al colon-retto, al seno, di tipo triplo negativo, e al pancreas. Secondo una dichiarazione di BMS, la sperimentazione di fase Ib/II partirà quest’anno.

In realtà, le due aziende avevano già intrapreso una collaborazione a luglio dello scorso anno, testando Opdivo insieme al trattamento in sperimentazione JNJ-64041757 di Johnson & Johnson. Darzalex, approvato dalla FDA a fine 2015, è stata la prima immunoterapia a inibire CD38, una proteina presente nella maggior parte delle cellule del mieloma multiplo. Il trattamento ha dimostrato di essere in grado di ridurre la progressione del tumore di oltre il 60%. Un successo che – secondo alcuni medici e analisti – lascia prevedere per Darzalex un futuro come  terapia di riferimento contro questa forma tumorale. J&J cerca di ampliare le indicazioni terapeutiche del farmaco e ha così siglato diversi accordi per testarlo in combinazione con altri antitumorali. Da qui è nata la partnership con Genentech, di Roche, e il suo inibitore PD-L1 Tecentriq, per testare la combo su tumori solidi. La coppia di farmaci, inoltre, è in sperimentazione con Revlimid, di Celgene, sempre nel trattamento del mieloma multiplo.Per quel che riguarda BMS, invece, l’accordo potrebbe significare un’ulteriore crescita per il suo farmaco, Opdivo, che ha già fatto registrare incassi da record, con un fatturato da 2,5 miliardi di dollari nei primi nove mesi del 2016. E se funzionasse la combo nel trattamento del tumore del polmone, sarebbe anche un riscatto per questo farmaco, che lo scorso anno ha fallito nella sperimentazione come monoterapia contro questa neoplasia.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*