Merck KGaA: piattaforma IA per valutare small molecule

10 Dicembre, 2018 nessun commento


Condividi:
Share

Merck KGaA ha ottenuto in licenza dalla società canadese Cyclica, con base a Toronto, una piattaforma di screening del proteoma basata sull’intelligenza artificiale.

L’accordo, della durata di un anno, consentirà all’azienda tedesca di valutare i meccanismi di azione e i profili di sicurezza di alcune delle sue small molecule nelle fasi di scoperta e di sviluppo iniziale.

Permetterà inoltre di esplorare eventuali nuove applicazioni per i suoi farmaci.

Le piattaforme Cyclica Ligand Express modellano le interazioni tra small molecule depositi delle strutture proteiche del corpo umano.

Lo scopo è quello di determinare i profili farmacologici e valutare i potenziali effetti collaterali, inclusi quelli on e off-target, per dare priorità ai candidati più idonei.

“Una parte fondamentale della nostra strategia di ricerca e sviluppo è quella di far progredire prodotti altamente promettenti nel modo più efficiente e rapido possibile”, ha dichiarato in una nota Friedrich Rippmann, direttore della chimica e biologia computazionale di Merck KGaA

“La valutazione delle nuove tecnologie è fondamentale per il progresso dei nostri programmi di scoperta. Le applicazioni dell’intelligenza artificiale come Ligand Express forniranno importanti approfondimenti per meglio identificare i target e supportare lo screening fenotipico e la profilazione off-target in generale”, ha aggiunto Rippmann.

Cyclica ha recentemente firmato un accordo simile con Bayer, lanciando una collaborazione multifase per studiare gli effetti off-target di small molecule e costruire modelli predittivi di farmaci.

“Gli attuali approcci di screening proteico sperimentale possono richiedere fino a un anno, rendendo praticamente impossibile il suo impiego contemporaneo in più composti”, ha dichiarato il presidente e CEO di Cyclica, Naheed Kurji. “Riteniamo che questa sia un’opportunità specifica per le tecnologie basate sull’intelligenza artificiale per promuovere la scoperta di farmaci in modo più efficiente”.

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*