Immunoterapia e investitori: rischio follow on?

5 maggio, 2018 nessun commento


Autolus ha messo a punto una terapia CAR-T per i bambini affetti da una forma di cancro incurabile che colpisce il sistema nervoso e sta pianificando una IPO al Nasdaq. Il successo ottenuto dalla piccola biotech britannica è un’ulteriore cartina di tornasole del buon momento che sta vivendo il settore dell’immunoterapia contro il cancro. Secondo un’analisi effettuata da Reuters, sono in corso studi non solo in Europa e negli Stati Uniti, ma anche in Cina che, con 162 trial, è in vantaggio proprio sugli USA. Con oltre 2.000 farmaci presenti nell’area immunoterapica del cancro, il panorama competitivo non è mai stato così affollato. Ogni azienda cerca la propria versione di farmaci spesso simili. Secondo il database di Pharmaprojects, nel complesso, i ricercatori stanno lavorando su più di 5.200 farmaci antitumorali, in aumento del 7,6% rispetto a un anno fa. Le terapie oncologiche ora costituiscono il 34,1% dei portafogli farmaceutici totali dell’industria farmaceutica, in crescita del 26,8% rispetto al 2010. Tuttavia, la corsa da parte di aziende farmaceutiche e biotecnologiche nell’area oncologica crea un dilemma tra gli investitori. Quali aziende avranno successo commerciale?
“Più competizione significa maggiore cautela”, ha detto Nooman Haque, responsabile del life science presso la Silicon Valley Bank di Londra, che fornisce finanziamenti per start-up e venture capitalist.”L’ideale sarebbe disporre di una terapia differenziata con non molti concorrenti, che ne esalterebb il valore. Anche se c’è un grande beneficio per il pazient, gli invesititori si interrogano sulla durata di questo vantaggio e sulla resa commerciale del prodotto”. I dirigenti farmaceutici sono ben consapevoli del fatto che il mercato dei medicinali oncologici vale 100 miliardi di dollari l’anno ed  è in rapida crescita. Secondo le previsioni di Thomson Reuters, le vendite dovrebbero superare i 25 miliardi di dollari entro il 2021, secondo le previsioni di Thomson Reuters. Il responsabile della ricerca di Sanofi, Elias Zerhouni ha avvertito la scorsa settimana gli analisti che la moltiplicazione degli sforzi nel settore delle immunoterapie ridurrà il tempo a disposizione dei produttori di farmaci per recuperare gli investimenti R & S. “Il ciclo di innovazione è stato abbreviato in modo significativo”, concorda Aiman ​​Shalabi, chief medical officer presso il no-profit Cancer Research Institute. “Non c’è dubbio che stiamo assistendo a un rapido follow-on e molti agenti farmacologici identici colpiscono gli stessi obiettivi”. Venti anni fa, quando Roche ha lanciato i suoi primi farmaci antitumorali all’avanguardia, Herceptin e Rituxan, non esistevano rivali. Oggi esistono più versioni di nuovi farmaci che mirano a percorsi molecolari: PD-1 / L1, PARP e CDK, oltre a CAR-T.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*