Immunochina, la via cinese delle CAR-T

Condividi:
Share

La biotech cinese Immunochina ha ottenuto un finanziamento da 20 milioni di dollari per accelerare i suoi programmi di sviluppo di terapie CAR-T.

La società afferma che l’iniezione di liquidità sarà indirizzata verso l’espansione della sua capacità produttiva e per finanziare i test riguardanti il suo principale candidato CAR-T, IM19, contro la leucemia linfoblastica acuta (B-ALL) e il linfoma non Hodgkin.

Immunochina spera di portare in fase clinica, prima della fine dell’anno, anche altri due programmi in corso.

La biotech di Pechino si rivolgerà inizialmente al mercato interno cinese, ma il co-fondatore e CEO Ting He ha l’ambizione di farla diventare una protagonista internazionale delle terapie CAR-T

“Stiamo osservando un crescente interesse da parte delle aziende internazionali verso i nostri prodotti per la terapia cellulare CAR-T e verso la piattaforma di produzione lentivirale. Questo finanziamento ci consente di continuare a rendere più forte la nostra azienda con possibilità di entrare nel mercato mondiale”, afferma He .

Il finanziamento arriva poco dopo la pubblicazione, da parte di Immunochina, dei risultati intermedi,ma impressionanti, di uno studio su IM19 in 110 pazienti affetti da B-ALL recidivata o refrattaria ai trattamenti.

Si è registrata una percentuale di risposta completa del 93% e una sopravvivenza libera da recidiva dopo un anno superiore al 70%.

Immunochina ha detto che questo è un risultato eclatante dal momento che lo studio comprendeva soggetti difficili da trattare, compresi i pazienti con malattia extramidollare, in cui si erano formati tumori nei tessuti molli e negli organi del corpo.

L’industria biotech cinese sta spingendo molto nel settore CAR-T, nonostante sia entrata in gioco più tardi rispetto ai competitor occidentali.

Il primo trial clinico CAR-T, che ha avuto come obiettivo il mieloma multiplo, è stato approvato dall’ente regolatorio cinese lo scorso anno.

Ora ci sono più di una dozzina di candidati CAR-T cinesi in sperimentazione da parte di aziende come JW Therapeutics, Hrain Biotech, Galaxy Biomed, Unicar Therapy .

Notizie correlate

Lascia un commento