ICER, nuovo criteri per la valutazione dei farmaci contro l’artrite reumatoide

28 Novembre, 2019 nessun commento


Condividi:
Share

Quando l’Institute for Clinical and Economic Review (ICER) ha pubblicato per la prima volta la sua relazione sull’efficacia, in termini di costi, degli inibitori JAK di ultima generazione nel trattamento dell’artrite reumatoide, ha criticato Xeljanz di Pfizer, Rinvoq di AbbVie e Olumiant di Incyte e di Eli Lilly, accusandoli di offrire benefici clinici “marginali” a prezzi elevati. Ma adesso ICER ha fatto un passo indietro insolito: ha ritirato il rapporto e ha ammesso la necessità di rivedere completamente il suo approccio.

Nell’ultima stesura, pubblicato martedì in preparazione a una riunione pubblica del 9 dicembre, AbbVie e Pfizer escono un po’ meglio di prima. Tuttavia, sia loro che le altre sette società farmaceutiche che sono attive nel settore terapeutico dell’artrite reumatoide non sono contente della metodologia impiegata da ICER per determinare il rapporto costo-efficacia dei nuovi farmaci. Anche l’American College of Rheumatology e tre organizzazioni di difesa dei pazienti hanno molto da dire in merito.

Alla fine ICER ha stabilito che Rinvoq di AbbVie offre “un beneficio per la salute da piccolo a sostanziale” rispetto a Humira. Pertanto, un prezzo equo, basato sul valore del farmaco, dovrebbe collocarsi tra i 44.000 e i 45.000 dollari.

Il prezzo di listino di Rinvoq negli USA è di 59.860 dollari, ma se AbbVie offre margini di sconto, ha detto ICER, il prezzo del farmaco finirà nel range delle cifre proposte nel suo rapporto.

ICER ha anche affermato che Xeljanz di Pfizer offre migliori benefici clinici rispetto a Humira e ha detto di non avere i dati necessari per valutare l’utilità di Olumiant. L’agenzia ha affermato che non è stata in grado di calcolare i parametri di riferimento basati sul valore per nessuno dei due farmaci a causa della mancanza di prove di confronto testa a testa con Humira.

Dopo aver elaborato un’analisi iniziale in termini di rapporto costo-efficacia degli inibitori JAK, i revisori di ICER hanno apportato alcune modifiche chiave alla loro metodologia. Invece di supporre che i pazienti che non avevano risposto al trattamento di prima linea sarebbero passati a cure palliative, hanno preso in considerazione la pratica standard del mondo reale che sposta quei pazienti nel settore dei modulatori immunitari mirati.

E anziché analizzare il costo del trattamento nel corso della vita, hanno considerato l’arco temporale di un anno.

Quest’ultima modifica ha però infastidito molte delle aziende farmaceutiche a cui è stato chiesto di fornire un feedback . “Un arco di tempo più lungo, rispetto a quello considerato di un anno, sarebbe più appropriato per valutare i benefici a lungo termine dei farmaci”, è la posizione di Janssen di J&J.

“L’orizzonte temporale di un anno porta a risultati fuorvianti”, ha detto Lilly in un commento. “L’artrite reumatoide è una malattia cronica progressiva con l’utilizzo di farmaci previsto per tutta la vita”.

ICER ha risposto di dover utilizzare un orizzonte temporale di un anno a causa dell’incertezza relativa all’impatto a lungo termine del trattamento farmacologico contro l’artrite reumatoide.

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*