GSK: ok CHMP a belantamab mafodotin in monoterapia nel RRMM

GSK: ok CHMP a belantamab mafodotin in monoterapia nel RRMM
Condividi:
Share

Il CHMP dell’EMA ha dato parere positivo raccomandando l’approvazione di belantamab mafodotin come monoterapia per il trattamento di pazienti adulti con mieloma multiplo che hanno ricevuto almeno quattro precedenti terapie e la cui malattia è refrattaria ad almeno un inibitore del proteasoma, un agente immunomodulatore e un anticorpo monoclonale anti-CD38 e che hanno dimostrato progressione di malattia all’ultima terapia.

“L’opinione positiva del CHMP è un passo importante nell’aiutare i pazienti che soffrono di mieloma multiplo recidivato o refrattario e che attualmente hanno scarsi risultati dalle alternative a disposizione – dice Axel Hoos, Senior Vice President and Head of Oncology R&D GSK – Se approvato, belantamab mafodotin fornirà a pazienti e medici in gran parte dell’Europa una nuova opzione terapeutica che ha un meccanismo d’azione diverso dalle altre terapie disponibili per questa malattia incurabile”.

Belantamab mafodotin ha ottenuto la designazione PRIME nel 2017 e la domanda di autorizzazione all’immissione in commercio condizionale (CMAA) è stata rivista in base alla procedura di valutazione accelerata dell’EMA. Se approvato, belantamab mafodotin sarà commercializzato come Blenrep e quest’anno sarà la seconda pietra miliare normativa per il portfolio oncologico di GSK.

IL CMAA si basa sui dati dello studio DREAMM-2 (DRiving Excellence in Approaches to Multiple Myeloma), inclusi i dati di follow-up di 13 mesi. Questi dati hanno dimostrato che il trattamento con belantamab mafodotin in monoterapia, somministrato in dosi di 2,5 mg / kg ogni tre settimane, ha determinato un tasso di risposta globale del 32%, con la maggior parte dei pazienti (58%) che ha ottenuto un’ottima risposta parziale o superiore, comprese due risposte complete stringenti e cinque risposte complete. La durata mediana della risposta è stata di 11 mesi e la sopravvivenza globale mediana è stata di 13,7 mesi.

Il profilo di sicurezza e tollerabilità era coerente con i dati precedentemente riportati. Gli eventi avversi di grado 3 o superiore riportati più comunemente (che si verificano in oltre il 10% dei pazienti) in pazienti trattati con la dose di 2,5 mg / kg sono stati cambiamenti epiteliali della cornea di tipo cheratopatia / microcisti (MECs) (46%), trombocitopenia (22%) , anemia (21%), riduzione della conta dei linfociti (13%) e neutropenia (11%).

Belantamab mafodotin è anche in fase di revisione da parte della FDA che ha concesso una revisione prioritaria per la Biologics License Application (BLA) della società.

Taggato con:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*