Google abbandona i cookie. Un bene per il pharma?

Google abbandona i cookie. Un bene per il pharma?
Condividi:
Share

Google eliminerà gradualmente il supporto dei cookie di terze parti entro due anni.Un’operazione che, per alcuni esperti di marketing, rappresenta una seria possibilità di perdere dati importanti relativi agli utenti.

L’industria farmaceutica, che deve operare entro limiti di privacy e sottostare a regolamenti rigorosi, potrebbe trovarsi non risentire di questa novità, trovandosi in una posizione diversa rispetto agli altri settori industriali.

Chi si occupa di marketing farmaceutico, infatti, molto spesso utilizza strategie che non prevedono l’uso dei cookie.

La mossa di Google eliminerebbe di fatto il motore di ricerca Google Chrome, che ha una quota del 69% del mercato dei browser e di cookie di terze parti che tracciano e raccolgono dati sugli utenti.

Gli esperti di marketing utilizzano questi dati verso un pubblico specifico o fornire pubblicità mirata. I dati di terze parti vengono anche utilizzati per misure e analisi.

Alcune di queste strategie farmaceutiche già in uso includono il targeting geografico, la pubblicità contestuale su siti Web specifici, il raggiungimento dei consumatori attraverso l’utilizzo di parole chiave e l’uso di canali multimediali più recenti che non utilizzano i cookie.

“In generale, la pubblicità pertinente non scomparirà. Vedremo però cambiamenti nelle tattiche e nelle strategie che non si basano sui cookie “, dice George Tarnopolsky, vicepresidente CMI / Compas. “L’intento è positivo per gli utenti di Internet. I consumatori chiedono maggiore privacy e questa richiesta si riflette nell’attuale clima legislativo con GDPR e CCPA. Quindi è chiaro che la pubblicità deve evolversi di conseguenza. I cookie sono tecnologie obsolete che non consentono agli utenti di controllare facilmente le loro scelte sulla privacy. Una volta cambiate le cose, però, saremo in una situazione migliore, dal punto di vista dell’utente, per attivare e rispettare queste scelte”.

“Oggi i cookie di terze parti sono fondamentali per il modello di business di Internet, ma è tempo di evolversi verso una migliore soluzione più sicura per la privacy, per il targeting di misurazioni e per altre applicazioni legittime”, conclude Asaf Evenhaim, CEO di Crossix, una società di fornitura di dati e analisi per l’industria farmaceutica e sanitaria che utilizza alcuni cookie di terze parti.

Taggato con:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*