Gli integratori italiani “fanno bene” anche all’estero. Il Rapporto FederSalus

24 gennaio, 2017 nessun commento


L’industria degli integratori alimentari continua a crescere all’interno dell’economia nazionale. Ad evidenziarlo è l’indagine del Centro Studi FederSalus sull’industria degli integratori alimentari in Italia, giunta alla seconda edizione, che ha coinvolto 112 tra le aziende associate.
L’indagine fotografa un comparto dinamico e molto articolato che negli ultimi dodici mesi è stato caratterizzato da un incremento del fatturato del 6% e da una variazione positiva dei volumi di vendita del 4,8%. Il valore di mercato è pari ai 2,7 miliardi di euro, per un totale di circa 193 milioni di confezioni vendute.  La filiera genera un fatturato totale stimato a fine 2015 di 1.080 milioni di euro (+5,4% vs indagine 2015) impiegando un numero di 9.000 addetti totali che include informatori medico scientifici e agenti di vendita. Indicatore dello stato di salute del comparto la dinamica degli investimenti che ha sostenuto l’aumento della produzione e del fatturato. Oltre il 50% delle aziende rispondenti ha dichiarato di aver incrementato gli investimenti in innovazioni di prodotto (il 68,9%), marketing e comunicazione (il 62%), impianti e nuovi macchinari (il 55,6%), formazione del personale (il 52,6%), innovazioni di processo (il 46,7%).

Vocazione export
Dall’Osservatorio emerge anche che la filiera italiana dell’integratore alimentare è decisamente proiettata verso i mercati internazionali. Quasi il 70% delle aziende associate (nel 2015 era il 65%) ha un fatturato proveniente da export e altre attività all’estero. Si tratta di aziende con dimensioni maggiori che si distinguono per un fatturato medio di 12,2 milioni di euro e operano nel mercato interno da oltre 15 anni. Circa il 30% di queste aziende esporta oltre un quarto del fatturato all’estero, e per il 47% di queste l’export rappresenta oltre il 50% dei ricavi totali. qualità distintive ed evidenti sui mercati esteri è un fattore competitivo vincente.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*