Glaucoma: via libera da FDA per shunt Allergan

23 novembre, 2016 nessun commento


La FDA ha dato l’ok al trattamento di Allergan per il glaucoma refrattario. Con l’acquisizione da 300 milioni di dollari di AqueSys nel settembre 2015, il colosso irlandese si è assicurato anche Xen, il sistema di trattamento del glaucoma, una nuova opzione chirurgica per i pazienti in cui la chirurgia e i farmaci hanno fallito.

Il gel stent Xen45 è uno shunt morbido composto da una gelatina a base di un derivato dal collagene che ha circa la larghezza di un capello umano. Si impianta utilizzando un iniettore pre-caricato attraverso un’incisione nella cornea.
L’impianto Xen45 allevia la pressione del glaucoma, creando un canale attraverso il quale l’umore acqueo può drenare dalla camera anteriore – che si trova tra la cornea e l’iride – alla zona sotto la congiuntiva. La pressione intraoculare (IOP) nei pazienti affetti da glaucoma è attualmente trattata con terapie a base di collirio, ma sono poco pratici da usare e i pazienti possono avere una bassa aderenza.
“Xen è una nuova opzione che offre l’opportunità di un intervento chirurgico in pazienti affetti da glaucoma refrattario”, dichiara Robert Weinreb, responsabile e professore di Oftalmologia alla University of California di San Diego. Gli studi hanno dimostrato che dopo aver usato l’impianto Xen per 12 mesi, i pazienti hanno utilizzato meno collirio rispetto al periodo precedente l’operazione.
Lo studio statunitense decisivo ha coinvolto 52 pazienti e ha dimostrato che l’utilizzo medio di farmaci che abbassano il IOP a 12 mesi è stato di 1,7, circa la metà della media – 3,5 – che i pazienti utilizzavano prima del trattamento.
Allergan prevede di lanciare il sistema Xen negli Stati Uniti all’inizio del prossimo anno. Nel frattempo, l’azienda continua ad andare avanti nell’arena dell’oculistica: a settembre, con un accordo da 95 milioni di dollari, ha acquisito ForSight Vision e il suo anello perioculare in sviluppo, sempre per il glaucoma. E nel mese di luglio, Allergan ha presentato una domanda de novo alla FDA per il neurostimolatore per l’occhio secco che si è portato a casa nella sua acquisizione da 125 milioni di dollari di Oculeve.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*