Gilead: sì dal CHMP per triplice terapia Hcv in un’unica compressa

Condividi:
Share

Il CHMP ha dato parere positivo per l’Autorizzazione all’Immissione in Commercio (AIC) di una nuova formulazione in un’unica compressa messa a punto da Gilead per l’epatite C.  Il via libera è arrivato per la combinazione di Sofosbuvir, Velpatasvir e Voxilaprevir (Sol/Vel/Vox) ed è stato adottato in seguito a una procedura di valutazione accelerata (Accelerated Assessment). La raccomandazione sarà ora riesaminata dalla Commissione Europea. Secondo quanto comunicato da Gilead, i dati inseriti nella richiesta supportano l’uso della combinazione nei pazienti con e senza cirrosi compensata e con tutti i genotipi (GT1-6) dell’infezione da HCV , indipendentemente da una precedente terapia, ivi inclusi il trattamento di 8 settimane di pazienti Daa-nave senza cirrosi e il trattamento di 12 settimane di pazienti che avevano precedentemente fallito la terapia con un regime contenente Daa”

 

Notizie correlate

Lascia un commento