Gilead: dopo EMA, luce verde anche da CE per remdesivir

Condividi:
Share

(Reuters Health) – Venerdì 3 luglio la Commissione Europea ha dato l’approvazione condizionata per l’uso di remdesivir in pazienti gravi affetti da COVID-19.

La decisione della Commissione Europea arriva appena una settimana dopo il via libera concesso a remdesivir dall’Agenzia europea per i medicinali. L’utilizzo del farmaco è autorizzato per gli adulti e per gli adolescenti dai 12 anni in poi con polmonite e necessità di ricevere ossigeno.

Per i prossimi tre mesi Gilead ha riservato quasi tutta la sua fornitura di remdesivir agli Stati Uniti, suscitando preoccupazioni sulla sua disponibilità, ma la Commissione Europea ha avviato un negoziato con la pharma USA per un’adeguata fornitura ai 27 Paesi dell’Unione.

La luce verde europea allarga l’uso di remdesivir a tutto il mondo: gli Stati Uniti l’hanno già autorizzato per un uso di emergenza e il farmaco è anche approvato come terapia contro il COVID-19 in Giappone, Taiwan, India, Singapore e negli Emirati Arabi Uniti.

Fonte: Reuters Health News
(Versione italiana Daily Health Industry)

Notizie correlate

Lascia un commento