Genedrive: funziona la piattaforma portatile per test rapido HCV

20 aprile, 2018 nessun commento


(Reuters Health) -Un test rapido portatile potrebbe ampliare il numero delle diagnosi di epatite da HCV. Un dosaggio point-of-care( PoC), specifico per l’infezione da virus dell’epatite, che può essere eseguito su una piattaforma di diagnostica molecolare portatile, ha mostrato un’elevata specificità e sensibilità nei test clinici iniziali. La piattaforma è stata messa a punto dalla biotech inglese Generdrive. “Le terapie antivirali ad azione diretta hanno rivoluzionato le opzioni terapeutiche per il trattamento dei pazienti HCV, rimane la sfida di identificare le persone infettate dal virus, molte delle quali vivono in regioni geografiche che non hanno accesso a una diagnostica d’avanguardia.”, dicono i ricercatori dell’Isituto Pasteur di Parigi, che hanno sviluppato il dosaggio point-of-care per il rilevamento qualitativo dell’RNA dell’HCV utilizzando la piattaforma diagnostica portatile, azionabile a batteria e con un peso di appena 600 grammi.

Lo studio
Il team ha confrontato i risultati del dosaggio con quelli ottenuti con il test Abbott RealTime HCV applicati rispettivamente a 422 pazienti con infezione cronica da HCV e 503 controlli negativi per anti-HCV e HCV RNA. “I campioni sono stati testati su 12 strumenti Genedrive, cinque operatori e tre diversi lotti di analisi”, riferiscono i ricercatori nell’ articolo pubblicato online sulla rivista Gut il 3 aprile. Il saggio PoC ha identificato tutti i sei principali genotipi dell’HCV, con una sensibilità del 98,6% e una specificità del 100%.
Il team ha poi eseguito uno studio di convalida in Sud Africa con campioni ottenuti da vari paesi africani. “In questo contesto clinico di vita reale – hanno dichiarato – le prestazioni del test HCV Genedrive erano ugualmente specifiche e sensibili. Pertanto il test Genedrive è un test rapido per il ‘punto specifico di necessità’ che consente il trattamento e la gestione in tempo reale di pazienti cronici con HCV in ambienti decentrati”.

Fonte: Reuters Health News
(Versione italiana per Daily Health Industry)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*