Cala la spesa farmaceutica

25 luglio, 2018 nessun commento


Cala di oltre il 5%, nel primo trimestre 2018,  la spesa farmaceutica netta convenzionata con il SSN, rispetto allo stesso periodo del 2017. Aumenta, invece, dell’1,4%, nello stesso arco di tempo, il peso del ticket pagato dai cittadini. E’ quanto emerge dai dati diffusi da Federfarma. Per quanto riguarda i prezzi, quello medio dei farmaci prescritti in regime convenzionale ed erogati in farmacia passa da 9,52 euro del primo trimestre 2017 a 9,10 euro del 2018.

Il calo della spesa è generalizzato in tutte le Regioni, ma è particolarmente evidente nelle Marche e in Puglia, dove è correlato a un sensibile decremento delle ricette. In alcune Regioni, in controtendenza, si registra un incremento del numero delle ricette, sempre però a fronte di un calo di spesa. Le farmacie hanno dato il proprio contributo al contenimento della spesa – nei primi tre mesi del 2018 è stato di oltre 148 milioni di euro –  “da una parte, con la diffusione degli equivalenti”, si legge nella nota di Federfarma, “e dall’altra con lo sconto per fasce di prezzo, che ha prodotto nel primo trimestre 2018 un risparmio di circa 84 milioni di euro, ai quali vanno sommati circa 17 milioni derivanti dalla quota dello 0,64% di cosiddetto pay-back ela trattenuta dell’1,82% sulla spesa farmaceutica, aumentata al 2,25%”.Prosegue, invece, il trend di crescita delle quote di partecipazione a carico dei cittadini, ovvero il ticket: la sua incidenza sulla spesa lorda è passata dal 14% di gennaio-marzo 2017 al 15,4% di gennaio-marzo 2018 e “l’aumento è legato al costante incremento della differenza pagata dai cittadini rispetto al prezzo di riferimento”.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*