Farmindustria: pronti a investimenti aggiuntivi per 4 mld

Condividi:
Share

“L’industria farmaceutica sta attraversando un periodo di grandissima innovazione: da 36 farmaci ogni anno arriveremo nei prossimi anni a più di 54 con cure molto personalizzate. A livello di investimenti, in un quadro favorevole di incentivi e di regole, le aziende del farmaco sono pronte a promuovere investimenti aggiuntivi in Italia per oltre 4 miliardi nel periodo 2021-2024, che rappresenta circa un 40% addizionale rispetto ai tre miliardi che investiamo ogni anno”. Lo ha detto in audizione alla commissione Affari Sociali della Camera sul piano nazionale di ripresa e resilienza Lorenzo Wittum, delegato di Farmindustria per il Recovery Plan e amministratore delegato di Astrazeneca Italia.

“Questi quattro miliardi – ha aggiunto Wittum – specificamente 4,3 miliardi che stiamo investendo sono tanto in ricerca ed innovazione come in produzione. Abbiamo concretamente 264 progetti che hanno un impatto in digitalizzazione, in tecnologie verdi, in partnership pubblico privato, coinvolgendo altre imprese e con progetti molto chiari di formazione. Abbiamo l’obiettivo con questo investimento addizionale di aumentare il potenziale occupazionale di 8 mila addetti in più , che è un 15% addizionale rispetto ai 66mila che già impegniamo, arrivando fino a 25mila addizionali considerando l’indotto nel Nord, Centro e Sud, e quindi riteniamo che il Pnr, Piano nazionale di resilienza, debba considerare la farmaceutica come una filiera strategica”.

“Le imprese del farmaco- ha concluso Wittum – sono convinte dell’importanza per l’Italia del Piano nazionale di ripresa e resilienza per affrontare le necessità dell’immediato e adattare il sistema socio-assistenziale alla realtà del futuro. Abbiamo avuto, in un ottica costruttiva, un confronto molto positivo con le istituzioni, in particolare Mef e Ministero della Salute”.

Notizie correlate

Lascia un commento