Farmaci e pubblicità: ecco le linee guida del Ministero della Salute

14 marzo, 2017 nessun commento


Giro di vite per la pubblicità degli Otce dei Sop al di fuori dei canali tradizionali. No ai social network, sì a Facebook, ma solo sul wall. Nessun problema per sms, link e banner. Il Ministero della Salute aggiorna dunque le linee guida sulla pubblicità sanitaria per i farmaci da automedicazione e senza obbligo di prescrizione. (Scarica il documento ufficiale)

No dunque ai social network perché il loro utilizzo, che consente agli utenti di manifestare le proprie opinioni, compromette le caratteristiche che deve avere il messaggio pubblicitario autorizzato dal Ministero e cioè essere statico, quindi non modificabile.È consentito invece l’uso di Youtube per la diffusione di messaggi pubblicitari, previa autorizzazione da parte del ministero della Salute e disattivando le funzionalità di interattività (mi piace, condividi, commenta). Sì condizionato alla pubblicità via sms e mms (purché le campagne siano autorizzate e il consumatore possa cancellarsi dalla mailing list), e a quella con link e banner. In quest’ultimo caso, al momento del clic, deve comparire una dicitura che specifichi: “State abbandonando il sito dell’azienda contente materiale promozionale autorizzato ai sensi della vigente normativa in materia di pubblicità sanitaria”. Le linee guida distinguono inoltre tra i siti web istituzionali che l’azienda utilizza per promuovere la propria immagine, siti aziendali di proprietà, siti di prodotto e siti non di proprietà. Nel primo caso è consentito pubblicare l’elenco dei sop e otc commercializzati dall’azienda senza alcuna richiesta di autorizzazione, con eventuale link per ciascuno al solo foglietto illustrativo ed eventualmente a un’immagine della confezione. Per le altre tipologie, invece, l’azienda deve presentare al Ministero la richiesta di permesso alla comunicazione pubblicitaria. Le linee guida dedicano infine una parte alla comunicazione rivolta agli operatori sanitari. In questo caso l’avvertenza è che l’accesso rimanga riservato ai professionisti, con aree criptate cui si entra tramite password, anche quando l’informazione è diffusa via internet.

Scarica il documento ufficiale

 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*