Epatite C: FDA impone warning sulle etichette dei farmaci

6 ottobre, 2016 nessun commento


L’FDA torna a mettere in guardia sui pericoli relativi all’uso dei farmaci antivirali contro l’epatite C: se da un lato possono migliorare e persino curare i pazienti dall’epatite C, i medicinali in questione hanno mostrato di poter riattivare l’epatite B in pazienti che sono portatori di entrambi i virus.  L’Agenzia per il controllo del mercato farmaceutico Usa ha ordinato una nuova etichettatura di questi prodotti, su cui inserire un grave ‘warning’ sui rischi. I farmaci in questione sono antivirali diversi ed includono i principi attivi ‘sofosbuvir’,’simeprevir’,’daclatasvir’ e altri che combinano varie sostanze chimiche.  “Nel giro di 31 mesi, abbiamo individuato 24 casi di riattivazione dell’epatite B in pazienti trattati con questi medicinali infetti sia dal virus C che B dell’ epatite – si legge in una nota della Fda – di questi, due malati sono morti e uno ha avuto bisogno di un trapianto di fegato”.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*