CHMP ok a trattamento di Gilead per epatite. E’ scontro con Merck

30 maggio, 2016 nessun commento


(Reuters Health) –  Il Comitato per i medicinali ad uso umano (CHMP) dell’EMA ha espresso parere favorevole all’approvazione del trattamento anti epatite C messo a punto da Gilead, che prevede la combinazione di velpatasvir e sofosbuvir e che si trova al centro di una ‘guerra di brevetto’ tra Gilead e Merck.

Motivo del contendere è il principio attivo Sofosbuvir, utilizzato sia da Merck che da Gilead  per la produzione di Sovaldi, il suo blockbuster per  il trattamento dell’epatite C.

Obiettivo di Merck è quello di dominare il mercato dei farmaci di nuova generazione anti epatite C, che di fatto sono in grado di curare più del 90% dei pazienti. Lo stesso panel di esperti, infatti, nella stessa giornata di venerdì 27 maggio ha raccomandato l’approvazione della terapia combinata a base di elbasvir e grazoprevir, messa a punto da Merck, sempre per il trattamento dell’infezione virale al fegato.

Tuttavia, secondo l’EMA, il prodotto Gilead è in grado di colpire 6 genotipi di virus, quattro in più  rispetto ai due di quello Merck.

Fonte: Reuters Health News

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*