Eli Lilly, Q1 sotto le aspettative.Taglio alle previsioni sugli utili 2021

Condividi:
Share

(Reuters) – Con la domanda degli anticorpi contro il COVID-19 che è diminuita negli USA dopo il lancio dei vaccini, Eli Lilly ha annunciato di non aver centrato le aspettative sull’utile del primo trimestre dell’anno e ha deciso così di tagliare le previsioni per l’intero 2021.

La terapia a base di un solo anticorpo di Eli Lilly non viene più usata negli USA dopo che test di laboratorio hanno dimostrato che bamlanivimab da solo non era efficace contro alcune delle nuove varianti di coronavirus. Ma il farmaco viene ancora usato in combinazione con etesevimab, un altro anticorpo di Eli Lilly. “Non siamo entrati nel COVID-19 pensando ai margini di profitto, volevamo solo essere utili”, ha precisato David Ricks, CEO di Eli Lilly.

Dai farmaci per il trattamento del COVID l’azienda ha registrato vendite per 810,1 milioni di dollari, al di sotto delle stime di 985 milioni di dollari e delle vendite del Q4 dello scorso anno, che erano state pari a 871,2 milioni di dollari.

Anche le vendite degli altri farmaci di Lilly sono state inferiori alle aspettative di Wall Street e le sue azioni sono scese del 3%. In particolare, le vendite del farmaco per la psoriasi Taltz sono scese del 9%, arrivando a 403,2 milioni di dollari, sotto le stime di 82 milioni di dollari, a causa di sconti sul prezzo.

L’azienda americana, tuttavia, è convinta che il farmaco tornerà a crescere nel secondo trimestre, mentre le vendite del farmaco contro il tumore del seno Verzenio sono aumentate del 43%, arrivando a 269 milioni di dollari, comunque al di sotto delle stime di Wall Street (290 milioni di dollari).

Eli Lilly si aspetta ora utili rettificati per l’anno compresi tra 7,8 e 8 dollari per azione, al di sotto della previsione compresa tra 7,75 e 8,4 dollari per azione. Dalla terapia di combinazione di anticorpi per il COVID l’azienda conta di ricavare 1-1,5 miliardi di dollari; anche in questo caso una stima inferiore a quella precedente, che si attestava a 2 miliardi di dollari.

Fonte: Reuters Health News
(Versione italiana Daily Health Industry)

Notizie correlate

Lascia un commento