Eli Lilly: ok EMA a baricitinib nella dermatite atopica da moderata a severa

Condividi:
Share

L’EMA, grazie all’approvazione da parte della Commissione Europea, ha rilasciato l’autorizzazione all’uso di baricitinib come trattamento per la dermatite atopica da moderata a severa in pazienti adulti candidabili alla terapia sistemica.

Baricitinib diventa così il primo inibitore delle JAK indicato e approvato in Europa nel trattamento dei pazienti con Dermatite Atopica. Il farmaco è concesso in licenza a Lilly da Incyte. È approvato in più di 70 paesi come trattamento per adulti con Artrite Reumatoide da moderata a severa.

“Le persone che convivono con la Dermatite Atopica affrontano quotidianamente difficoltà legate alla patologia e al suo impatto sulla vita quotidiana”, dice Ketty Peris, Presidente della SIDeMaST Società Italiana di Dermatologia medica, chirurgica, estetica e delle Malattie Sessualmente Trasmesse, “Considerato che il numero di terapie sistemiche attualmente disponibili per i pazienti adulti con Dermatite Atopica è ancora esiguo, l’approvazione di baricitinib da parte dell’EMA è un passo fondamentale, in quanto rende disponibile in Europa una nuova opzione terapeutica per i pazienti affetti da tale patologia”.

L’approvazione dell’EMA si basa sul programma di sviluppo clinico di fase 3 di Lilly per baricitinib, il programma BREEZE-AD, che valuta il potenziale del medicinale nel trattamento della Dermatite Atopica, attraverso gli studi:

BREEZE-AD1 e BREEZE-AD2, che studiano l’efficacia e la sicurezza di baricitinib in monoterapia in pazienti con Dermatite Atopica da moderata a severa;

BREEZE-AD4, che valuta l’efficacia e la sicurezza di baricitinib in combinazione con corticosteroidi topici in pazienti con Dermatite Atopica da moderata a grave che hanno fallito o che sono intolleranti o hanno controindicazioni alla ciclosporina;

BREEZE-AD7, che valuta l’efficacia e la sicurezza di baricitinib in combinazione con corticosteroidi topici in pazienti con Dermatite Atopica da moderata a grave.

Notizie correlate

Lascia un commento