Diabete, congresso ADA: Toujeo (Sanofi) efficace nella pratica clinica

14 giugno, 2016 nessun commento


Toujeo (insulina glargine 300 U/mL) fa registrare altri risultati positivi a suo favore. Sanofi ha infatti annunciato la pubblicazione di nuovi dati che valutano  l’uso dl farmaco nella pratica clinica quotidiana. La valutazione è stata effettuata analizzando la banca dati statunitense Predictive Health Intelligence Environment (PHIE), che contiene un consistente numero di informazioni a livello paziente. Lo studio ha preso in esame le cartelle cliniche elettroniche dei pazienti per valutare la variazione di emoglobina glicata (HbA1c) e l’insorgenza di ipoglicemia nel periodo fino a 6 mesi dopo il passaggio a Toujeo da un’altra insulina basale. I risultati dello studio sono stati presentati nel corso del 76° Congresso dell’American Diabetes Association che termina oggi a New Orleans.

“È incoraggiante, per il trattamento di pazienti adulti con diabete di tipo 2, vedere il successo del passaggio a Toujeo da un’altra insulina basale, come mostrato da questa prima valutazione di Toujeo in un contesto di pratica clinica quotidiana,” commenta Riccardo Perfetti, responsabile del Global Diabetes Medical Team di Sanofi.

“Questo studio si aggiunge alla crescente mole di dati sull’uso di Toujeo in pazienti con diabete di tipo 2”, afferma il professor Robert Ritzel, sperimentatore negli studi clinici su Toujeo e Primario della Clinica di Endocrinologia, Diabete e Medicina delle dipendenze presso l’Ospedale Schwabing di Monaco di Baviera. “Mentre studi clinici appropriati e ben controllati sono di vitale importanza ai fini normativi, ulteriori dati di pratica clinica quotidiana sono di particolare rilievo per professionisti della salute, payers e enti regolatori per determinare la sicurezza e l’efficacia in una popolazione più ampia di pazienti e il rapporto costo-efficacia di una terapia.”

La valutazione dei nuovi dati
Sono stati identificati soggetti adulti con diabete di tipo 2 che avevano utilizzato altre insuline basali nei 6 mesi prima dell’inizio del trattamento con Toujeo (una o più prescrizioni di Toujeo tra marzo 2015 e dicembre 2015). I dati di PHIE delle persone prese in esame (N = 881) sono stati analizzati in termini di variazione dell’emoglobina glicata (HbA1c) e di incidenza di ipoglicemia confermata (≤70 mg / dL) o grave, da 6 mesi prima a 6 mesi dopo l’inizio del trattamento.

Nella sottopopolazione di pazienti (n = 267) con HbA1c misurata al basale e durante il follow-up (0-6 mesi), la media di HbA1c è stata di 8,97% al basale e 8,33% al follow-up. Nella sottopopolazione di pazienti (n = 449) con episodi di ipoglicemia valutati al basale e durante il follow-up (0-3 mesi), l’incidenza è stata  6,0% al basale e 5,1% al follow-up.

Gli studi in corso
Per la valutazione di Toujeo in contesti di  pratica clinica quotidiana sono in corso tre grandi studi: ACHIEVE, REACH e REGAIN CONTROL. Questi studi vengono condotti in persone con diabete di tipo 2 che hanno iniziato il trattamento con insulina basale o che hanno effettuato il passaggio da un’altra insulina basale. I tre trials coinvolgono più di 4.500 pazienti tra Stati Uniti e Europa. I primi risultati sono previsti nel 2017.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*