Dendreon, ASCO: nuovi dati su vaccino contro cancro alla prostata

6 giugno, 2017 nessun commento


A sette anni dall’ok della FDA, Dendreon continua a fornire dati sul suo vaccino contro il cancro della prostata, Provenge. I risultati sono stati presentati, questa volta, in una sessione di poster che si è tenuta ieri nell’ambito del congresso ASCO. Dai dati è emerso che il vaccino induce una risposta delle cellule T killer, che sarebbe correlata alla sopravvivenza globale dei pazienti. In particolare, la risposta è diretta contro l’antigene immunitario A2024 e il target sulle cellule neoplastiche costituito dalla fosfatasi acida prostatica. La risposta si avvierebbe già dopo sei settimane dall’inizio del trattamento e durerebbe almeno sei mesi. Inoltre, l’effetto è stato evidenziato sia negli uomini con una forma tumorale ormone-dipendente, sia nei pazienti con cancro metastatico resistente alla castrazione. Dendreon ha intenzione di usare ora questi risultati per informare i medici e allargare il numero di pazienti in terapia con il suo farmaco.

Lo studio real world
I risultati arrivano poco dopo che l’azienda ha riportato risultati da uno studio in real world, Proceed, in cui dimostrava il vantaggio in termini di sopravvivenza soprattutto tra la popolazione afro-americana, con una vita media di 37,3 mesi dopo il trattamento, rispetto ai 28 mesi tra i pazienti caucasici. Al tempo, il presidente Jim Caggiano aveva sottolineato comunque che, indipendentemente dalla razza, il dato era positivo. Le vicende di Dendreon sono state comunque travagliate. Provenge, che sembrava destinato a diventare un blockbuster, ha subito un ritardo da parte della FDA prima di avere l’ok. Quando poi nel 2010 è arrivato sul mercato, l’azienda era in crisi per diverse questioni operative, finché nel 2014 non ha dichiarato bancarotta. L’anno successivo è stata acquisita da Valeant per 495 milioni di dollari, che a sua volta l’ha ceduta alla cinese Sunpower lo scorso anno per 820 milioni di dollari.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*