COVID-19, UE: vaccinato il 70% degli adulti, ma disparità tra Stati membri

Condividi:
Share

(Reuters) – La Commissione Europea ha annunciato che il 70% della popolazione adulta dell’Unione è stata vaccinata in modo completo contro il COVID-19, raggiungendo così l’obiettivo fissato a inizio anno.

A gennaio la Commissione aveva infatti affermato che “entro l’estate 2021, gli Stati membri dovranno vaccinare almeno il 70% della popolazione adulta”. Il blocco dei 27 ha raggiunto questo obiettivo, nel senso che almeno 255 milioni di persone hanno ricevuto due dosi del vaccino Pfizer/BioNTech, AstraZeneca e Moderna o una dose del vaccino di Johnson & Johnson, ma la situazione è molto diversa da Paese a Paese.

Malta, per esempio, ha vaccinato in modo completo oltre il 90% della sua popolazione adulta. Anche l’Irlanda e il Portogallo hanno immunizzato oltre l’80% degli adulti e la Francia ha superato il 70%. A est, invece, la Bulgaria ha vaccinato in modo completo solo un quinto della popolazione adulta e la Romania circa il 30%. Croazia, Lettonia, Slovenia e Slovacchia, infine, hanno immunizzato circa la metà delle persone con più di 18 anni.

Fonte: Reuters Health News
(Versione italiana Daily Health Industry)

Notizie correlate

Lascia un commento