COVID-19, Janssen: agli inizi di febbraio dati su efficacia e sicurezza vaccino

Condividi:
Share

(Reuters) – In attesa di raccogliere ulteriori dati sulla fase avanzata di sperimentazione del suo vaccino contro il COVID-19 entro fine gennaio/inizi febbraio, Janssen ha pubblicato i risultati ad interim della fase iniziale di studio, che fanno emergere un’efficacia potenziale del prodotto dell’80%.

Sulla base di queste evidenze Paul Stoffels, CSO dell’azienda americana, ha annunciato che Janssen potrebbe lanciare il prodotto a marzo, ponendosi come obiettivo la produzione di un miliardo di dosi del suo vaccino, che richiede una sola somministrazione, entro il 2021.

Il vaccino è in produzione negli USA, in Europa, in Sud Africa e in India, con l’aiuto di aziende che lavorano a contratto, per aumentare la capacità produttiva.

I risultati dello studio in fase I/II, pubblicati mercoledì 13 gennaio dal New England Journal of Medicine, hanno mostrato che il 90% di 805 volontari di età compresa tra 18 e 55 anni ha sviluppato anticorpi protettivi 29 giorni dopo una singola dose, valore che è aumentato al 100% entro il giorno 57. La protezione è durata per 71 giorni. Dati analoghi su partecipanti over 65 saranno disponibili a fine gennaio.

Il trial ha anche valutato l’effetto di due dosi di vaccino somministrate a distanza di 56 giorni e ha evidenziato che il richiamo ha portato a raddoppiare i livelli di anticorpi neutralizzanti il virus. Gli effetti collaterali, come febbre, dolori muscolari e dolore al sito di iniezione, invece, sono stati ben tollerati e si sono risolti rapidamente.

Janssen prevede di richiedere l’ok all’uso in emergenza alla FDA del vaccino come singola dosa, ma se i dati mostreranno, poi, che un richiamo è più utile, la pharma USA presenterà separatamente anche un’autorizzazione per una seconda dose.

Fonte: Reuters
(Versione italiana Daily Health Industry)

Notizie correlate

Lascia un commento