Coronavirus, la corsa alla terapia

Condividi:
Share

Farmaco o vaccino? Quale sarà l’arma più efficace per combattere il COVID-19?

La messa a punto di un vaccino è probabilmente un’ipotesi meno realistica di quanto suggeriscano le tempistiche finora ipotizzate. È “eccessivamente ottimista” aspettarsela tra 12-18 mesi, dice l’analista di SVB Leerink, Geoffrey Porges, che ha interpellato due opinion leader, i quali invece si dice “relativamente ottimisti” sul fatto che remdesivir di Gilead “possa essere efficace e rapidamente adattato alle necessità dei pazienti gravi”.

Gilead ha iniziato studi di fase 3 su remdesivir somministrato a pazienti COVID-19. Secondo alcuni esperti dell’OMS il farmaco, originariamente sviluppato contro il virus Ebola, sarebbe il trattamento più promettente. Tuttavia, remdesivir escluso, gli stessi esperti non credono che i farmaci impiegati contro l’HIV possano costituire “terapie praticabili”.

Un filone della ricerca sta orientando i suoi sforzi sugli ACE-inibitori e sui bloccanti del recettore dell’angiotensina. E, sempre secondo quanto riferisce Porges, una terapia con anticorpi monoclonali potrebbe mostrare effetti poistivi prima della messa a punto di un vaccino.

Oltre a Gilead, sono al lavoro molte big pharma. Sanofi e Regeneron hanno annunciato il via al trial con Kevzara, farmaco contro l’artrite.

La National Health Commission cinese, all’inizio di marzo, ha raccomandato Actemra di Roche per i pazienti con gravi danni ai polmoni.

Eli Lilly ha appena concluso un accordo con AbCellera per entrare nella fase clinica entro quattro mesi con una serie di candidato anticorpi monoclonali.

Notizie correlate

Lascia un commento