COVID-19: dai leader mondiali 35 mld di dollari per il progetto ACT-Accelerator

Condividi:
Share

I leader mondiali, tra cui più di 30 capi di stato e ministri, si sono impegnati a sostenere con 35 miliardi di dollari il progetto ACT-Accelerator, che ha l’obiettivo di produrre due miliardi di dosi di vaccino, 245 milioni di trattamenti e 500 milioni di test.

“Riconosciamo l’urgenza di catalizzare un cambiamento radicale nel sostegno politico e nel finanziamento per ACT-Accelerator al fine di consentirgli di portare a termine la sua missione di accelerare la scoperta e la distribuzione di nuovi strumenti COVID-19 a tutte le persone, ovunque”, si legge in una dichiarazione dopo un meeting virtuale.

L’ACT-Accelerator è stato lanciato ad aprile e finora ha ricevuto 2,7 miliardi di dollari, ovvero meno di un decimo del finanziamento necessario.

L’incontro virtuale tenutosi giovedì 10 settembre ha segnato la riunione inaugurale del suo Consiglio di facilitazione promosso dall’Oms e dalla Commissione UE. Nel suo discorso programmatico, il Segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha richiamato sulla necessità di fare “un salto di qualità nei finanziamenti”

“Ora abbiamo bisogno di 35 miliardi di dollari in più. C’è una reale urgenza di giungere a questi numeri. Senza un’iniezione di 15 miliardi di dollari nei prossimi tre mesi, a partire da adesso, perderemo la finestra di opportunità”, ha detto Guterres.

L’Oms ha riferito che più di 170 paesi sono impegnati nella ricerca di vaccini COVID-19, uno dei quattro pilastri dell’ACT. Sono attualmente in fase di valutazione dieci vaccini candidati, nove dei quali sono in sperimentazione clinica.

Il direttore dell’OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha sostenuto la necessità di colmare il divario di finanziamento, poiché il COVID-19 continua a mietere quasi 5.000 vite ogni giorno, al ritmo attuale. Nel frattempo, l’economia globale dovrebbe contrarsi di trilioni di dollari quest’anno.

“Finanziare completamente l’ACT-Accelerator ridurrebbe la pandemia e ripagherebbe rapidamente questo investimento con la ripresa dell’economia globale”, ha sottolineato Ghebreyesus.

Il Consiglio di facilitazione è copresieduto dal presidente sudafricano Cyril Ramaphosa e dal primo ministro norvegese Erna Solberg.

Per il presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, la riunione inaugurale del Consiglio ha segnato un passo avanti verso l’obiettivo di rendere gli strumenti COVID-19 disponibili a chiunque ne abbia bisogno.

“L’UE utilizzerà tutto il suo potere di convocazione per aiutare a mantenere il mondo unito contro il coronavirus “, ha affermato. “Con la presidenza della Norvegia e del Sud Africa che rappresentano il Nord e il Sud del mondo e l’esperienza dell’OMS e dei nostri partner internazionali, nessun paese o regione sarà lasciato indietro in questa lotta”.

Notizie correlate

Lascia un commento