Cina e India, prove tecniche di alleanza nel pharma

18 Luglio, 2019 nessun commento


Condividi:
Share

La Cina e l’India sono importanti fornitori di principi attivi farmaceutici, ma le aziende indiane hanno a lungo avuto difficoltà a trovare una via di sbocco nel mercato del grande Paese asiatico.

Ora però si sta aprendo uno spiraglio, vista la pressione dei prezzi negli Stati Uniti e considerato che la Cina favorisce la concorrenza per abbassare ulteriormente i costi dei farmaci.

L’azienda indiana Cipla ha infatti dichiarato martedì che sta creando una joint venture con la cinese Jiangsu Acebright Pharmaceutical.

La pharma indiana deterrà una partecipazione dell’80% nell’investimento combinato di 30 milioni di dollari. La nuova società costruirà uno stabilimento di produzione di farmaci per l’apparato respiratorio destinati al mercato cinese.

“I nostri principali mercati domestici rimangono i punti di forza per la crescita, ma crediamo che la Cina svolgerà un ruolo cruciale della nostra futura roadmap”, ha detto in una nota il CEO di Cipla, Umang Vohra. “Abbiamo una relazione di lunga data con Acebright e questa partnership per costruire uno stabilimento di produzione in Cina rappresenta un passo importante per noi”.

Cipla non è l’unico grande produttore di farmaci indiano impegnato ad espandere la sua attività in Cina. Il mese scorso, infatti, Sun Pharma ha firmato due accordi di licenza con China Medical System concedendo a quest’ultima i diritti locali sul farmaco Ilumya contro la psoriasi – che ha vinto un premio agli Stati Uniti lo scorso anno – e la sua versione di Restasis di Allergan per la cura dell’occhio secco.

Alla fine dell’anno scorso, una consociata di Aurobindo Pharma ha costituito una joint venture con Shangdong Luoxin Pharmaceutical Group per produrre inalatori, nebulizzatori e altri prodotti.

I laboratori della Dr. Reddy, che ha una presenza maggiore in Cina rispetto ad altre case farmaceutiche indiane, prevedono di lanciare nel Pese asiatico circa 70 prodotti nei prossimi anni e di costruire un nuovo impianto.

Tag:,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*