Celgene, Q3 al ribasso e revisione previsioni di vendita 2020

27 ottobre, 2017 nessun commento


A pochi giorni dall’annuncio dell’insuccesso nei trial sulla Malattia di Crohn, che ha intaccato il valore delle sue azioni, Celgene comunica i risultati finanziari del terzo trimestre. Dati che preoccupano ulteriormente gli investitori. La grande biotech ha realizzato 3,28 miliardi di dollari di fatturato trimestrale, cifra inferiore di 139 milioni di dollari rispetto alle previsioni, secondo i dati forniti da Ronny Gal, analista di Bernstein. I farmaci chiave Revlimid e Otezla hanno venduto meno secondo le aspettative dell’analista, mentre Pomalyst ha superato di poco la stima prevista. Sulla base di questi dati, Celgene ha rivisto le sue previsioni di vendite per il 2020 portandole a una cifra compresa tra i 19 e i 20 miliardi di dollari rispetto all’obiettivo precedente fissato in 21 miliardi. Otezla ha incassato complessivamente 103 milioni di dollari in meno di quanto previsto, 91 dei quali solamente negli USA. Secondo Ronny Gal il farmaco, commercializzato nel 2014, ha perso peso specifico in fretta e molto prima di quanto si pensasse. Perché? Probabilente la spiegazione risiede nel fatto che Otezla si confrnonta con altri farmaci concorrenti ed agguerriti come Cosentyx di Novartis e Taltz di Eli Lilly. Nella comunicazione dei dati finanziari del terzo trimestre, Celgene ha dichiarato che le vendite dei farmaci contro la psoriasi e l’artrite psoriasica sono state colpite da “un rimaneggiamento dei prezzi dovuto ai contratti stipulati a gennaio e da un un rallentamento della crescita complessiva di questa categoria di farmaci, a causa di un accesso più difficile al mercato”. Parlando con gli analisti in occasione della comunicazione dei dati trimestrali, il CEO di Celgene, Mark Alles, ha citato il recente fallimento dei trial e le “nuove dinamiche” che pesano sulle vendite di Otezla quali motivi principali della contrazione delle previsioni per il 2020. Inoltre l’azienda prevede un calo di incassi nel 2017 intorno ai 250 milioni di dollari.

 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*