Celgene punta sugli inibitori TYK2. Accordo con Nimbus

4 ottobre, 2017 nessun commento


Celgene si inserisce nella corsa per sviluppare farmaci inibitori di TYK2 insieme a Bristol-Myers Squibb e Pfizer. L’azienda biotech americana ha infatti stretto un accordo con Nimbus Therapeutics per lo sviluppo di due studi preclinici, uno proprio su un inibitore della chinasi e l’altro su un prodotto che blocca la proteina STING. L’inibitore della chinasi sviluppato da Nimbus sarebbe particolarmente selettivo per TYK2, riuscendo a colpire in modo preciso il bersaglio senza agire sul recettore ‘fratello’ JAK. Un farmaco con questo obiettivo potrebbe essere utile nel trattamento di malattie autoimmuni, tra cui l’artrite reumatoide, la malattia di Chron e la sclerosi multipla. “Siamo entusiasti dei potenziali obiettivi a livello immunologico di Nimbus”, ha affermato Robert Plenge, vice presidente di R&S in Celgene. “Inoltre l’approccio su cui si basa il prodotto è molto promettente”, ha sottolineato. L’interesse verso gli inibitori di TYK2 è nato per il ruolo di questi prodotti nella risposta infiammatoria. Oltre a Nimbus, anche altre aziende stanno sviluppando dei loro farmaci, tra cui BMS, che ha il suo candidato, BMS-986165, nella fase II di sperimentazione per il trattamento di lupus e psoriasi, e Pfizer, che sta testando il suo inibitore di TYK2-JAK1, PF-06700841, in tre trial clinici di fase II, che includono pazienti con alopecia areata, colite ulcerosa e psoriasi. Il secondo punto dell’accordo tra Celgene e Nimbus riguarda un prodotto che blocca la proteina STING nell’attivare il sistema immunitario innato, nelle interferonopatie come il lupus. L’accordo lascia però a Nimbus la libertà di sviluppare piccole molecole agoniste con applicazioni nell’immunoncologia. E proprio l’immunoncologia è l’unica parte del programma di Nimbus che non è ancora oggetto di accordi. Mentre Gilead e Genentech hanno già scelto altri prodotti della pipeline dell’azienda americana con accordi, rispettivamente, di acquisizione e licenza.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*